wonder woman 1984

Lo slittamento della data di uscita di Wonder Woman 1984 da novembre 2019 a giugno 2020 è una decisione che la Warner Bros. sembra aver preso molto seriamente negli interessi del film e del reparto creativo guidato da Patty Jenkins (già regista del primo capitolo). A rivelarlo è stato il produttore Charles Roven durante la promozione di Triple Frontier, disponibile ora su Netflix, in un’intervista con Collider:

 

Abbiamo sempre desiderato far uscire il film in estate. Avevamo affrettato la pre-produzione perché Patty stava preparando la miniserie per TN, I Am the Night, con Chris Pine, e volevamo rispettare la release originale del 1 novembre 2019. Questo perché lo studio ci aveva detto che sarebbe stato meglio così…poi, ad un certo punto, sono venuti da noi e hanno detto: “Sapete ragazzi, avete ragione. Torniamo al mese in cui era stato rilasciato il primo Wonder Woman e prendetevi tutto il tempo necessario per finire i lavori“.

In effetti la motivazione di questo cambio repentino non era mai stata fornita prima di oggi, commentata soltanto da Gal Gadot su Twitter spiegando che il cinecomic era “tornato alla sua legittima casa” in riferimento alla release di giugno; un periodo particolarmente positivo se pensiamo al successo ottenuto dal film nel 2017 e al buon posizionamento rispetto agli altri cinefumetti Marvel.

Dunque la stagione 2019 della DC presenterà soltanto Shazam! (dal 5 aprile nelle sale) e a ottobre Joker, lo spin-off con Joaquin Phoenix diretto da Todd Phillips, mentre nel 2020 debutteranno le eroine di Birds of Prey e Wonder Woman 1984.

Wonder Woman 1984come tornerà Steve Trevor?

Nei giorni scorsi era stato lo stesso Roven a definire il film un sequel “inusuale”, spiegando che si, poterà in scena lo stesso personaggio grazie al lavoro dello stesso team creativo e che seguirà gli eventi del precedente capitolo, ma che i fan non dovrebbero aspettarsi un seguito tradizionale definendo Wonder Woman 1984 “la prossima iterazione della supereroina”.

Il film racconterà un lasso di tempo completamente diverso e lo spettatore avrà solo un assaggio di ciò che che Diana ha fatto o affrontato negli anni intermedi. Abbiamo cercato di mettere insieme una storia del tutto diversa che potesse rispettare le stesse emozioni del passato, portare un sacco di umorismo e molta azione coraggiosa. E soprattutto, toccare le corde del cuore.

Vi ricordiamo inoltre che l’ordine cronologico del personaggio è stato già rimescolato, essendo stata introdotta nell’era contemporanea di Batman v Superman: Dawn of Justice per poi tornare al vecchio secolo con Wonder Woman.

Il sequel vedrà ancora Gal Gadot nei panni di Diana Prince opposta a Kristen Wiig, scelta per interpretare la villain Cheetah. Nel cast figureranno anche Chris Pine (volto del redidivo Steve Trevor) e Pedro Pascal, in un ruolo ancora misterioso.

Fonte: Collider