In una recente intervista con Digital Spy in occasione della promozione del suo debutto alla regia, il film Tyler Rake con Chris Hemsworth, Sam Hargrave ha parlato del suo lavoro in qualità di coordinatore degli stuntman sul set di Avengers: Endgame, il cinecomic campione d’incasssi di Anthony e Joe Russo uscito nelle nostre sale lo scorso anno.

 
 

Hargrave è stato la controfigura di Captain America in The Avengers e Captain America: The Winter Soldier, prima di ricoprire il ruolo di coordinatore degli stuntman sul set di Captain America: Civil War, Avengers: Infinity War e Endgame. Suo fratello, Daniel Hargrave, lo ha sostituito in qualità di controfigura di Chris Evans sul set di Infinity War e Endgame. 

In occasione della sequenza di Avengers: Endgame in cui Cap combatte contro se stesso, però, Sam Hargrave ha rivelato di aver avuto la possibilità di indossare nuovamente il costume dell’eroe e di combattere contro suo fratello Daniel:

“Ecco il motivo per cui sono tornato ad indossare quel costume, così da poterne parlare un giorno. La Marvel è stata fantastica da questo punto di vista, e anche se c’è stato tantissimo lavoro in digitale, ovviamente per quanto riguarda i volti, sappiate che i fratelli Hargrave ci hanno dato dentro sul set di Endgame. Ed è per questo che l’ho fatto, perché tutto ciò vivrà comunque per sempre. Potrete dire ai vostri figli, ai vostri nipoti, che eravamo io e mio fratello a combattere davvero in quel film.”

LEGGI ANCHE – Captain America: tutti i frame del suo fondoschiena in Avengers: Endgame

Ricordiamo che Avengers: Endgame è il film di maggiore incasso dell’anno, nonché il più grande successo dei Marvel Studios, che con l’avventura diretta da Anthony e Joe Russo hanno chiuso un arco narrativo lungo 22 film e 11 anni, portando a termine un esperimento produttivo senza pari.

Endgame ha ottenuto un grande successo di critica e pubblico, stabilendo numerosi record al botteghino, diventando il maggior incasso nella storia del cinema, e venendo candidato a svariati premi cinematografici, tra i quali l’Oscar ai migliori effetti speciali.