Cathy Yan, regista di Birds of Prey, è tornata a parlare del cinecomic uscito nelle sale a febbraio dello scorso anno, poco prima dello scoppio della pandemia di Coronavirus, confermando di non avere avuto il controllo sul montaggio finale che avrebbe invece desiderato. Già in passato la regista aveva mostrato il suo sostegno nei confronti della distribuzione della Ayer Cut di Suicide Squad, lasciando intendere che la Warner Bros. aveva interferito anche con il suo lavoro.

 

Ora, in occasione di un’intervista con The Playlist, Yan ha definito la lavorazione di Birds of Prey “impegnativa” e ha ammesso di essere dovuta “scendere a compromessi” in merito a ciò che alla fine sarebbe finito nel film e ciò che invece sarebbe stato eliminato in fase di montaggio. “Mi sarebbe piaciuto avere un maggiore controllo sul montaggio di Birds of Prey”, ha detto Yan. “Ma è così che stanno le cose. Non so se ci sia effettivamente un taglio di Cathy Yan là fuori, ma penso che valga per qualsiasi regista: tutti noi ci siamo passati, perché vogliamo esprimerci nel modo più completo possibile. E cercare di far combaciare ciò che alla fine si vede sullo schermo con ciò che si trova nella nostra testa.”

L’interferenza delle grande major nei blockbuster di successo è una prassi assai comune, ma la Warner Bros. sembra ormai trovarsi fin troppo spesso in disaccordo con le visioni dei registi che vengono ingaggiati per portare al cinema le proprietà della DC Comics. Birds of Prey avrebbe riscosso più successo se Yan avesse avuto un maggiore controllo sul film? È impossibile dirlo. Tuttavia, l’esperienza non sembra averla scoraggiata dal dirigere più film di supereroi in futuro.

“Non escluderei mai di farlo di nuovo”, ha detto. “Cerco di non pensare mai a che tipo di film potrei dirigere nuovamente. Così come non penso mai al fatto di lavorare di nuovo con quello studio o con qualsiasi altro. Quello che penso sempre è: ‘Questa storia è avvincente?’. D’altronde, sono anche una sceneggiatrice. Nel caso specifico di Birds of Prey, quello che ho sicuramente imparato è che voglio avere un po’ più di controllo sulla storia che scelgo di raccontare.”

Il futuro delle Birds of Prey al cinema

In passato, sia Cathy Yan che Margot Robbie (interprete di Harley Quinn) hanno detto che amerebbero realizzare un sequel di Birds of Prey, ma le possibilità che il film ottenga il via libera da WB sembrano, ad oggi, piuttosto scarse. Robbie riprenderà il ruolo della Mattacchiona nell’attesissimo The Suicide Squad di James Gunn, ma per quanto riguarda Cacciatrice, Black Canary e tutti gli altri personaggi? Non ci resta che aspettare ed attendere eventuali sviluppi…

Birds of Prey, diretto da Cathy Yan, è uscito nelle sale il 7 febbraio 2020. Nel cast Margot Robbie (Harley Quinn), Mary Elizabeth Winstead Jurnee Smollett-Bell (rispettivamente Cacciatrice e Black Canary), ma anche Rosie Perez (Renee Montoya) e Ella Jay Basco (Cassandra Cain). Ewan McGregor interpreta invece uno dei due principali villain del film, Maschera Nera, alter ego di Roman Sionis; l’altro villain principale, Victor Zsasz, è intepretato da Chris Messina.