kill bill

Di recente, hanno fatto il giro del mondo alcune dichiarazioni di Quentin Tarantino in merito a Kill Bill Vol. 3, progetto di cui il regista parla ormai da diverso tempo, ma che di fatto potrebbe non vedere mai la luce.

Nello specifico, Tarantino ha rivelato che, qualora decidesse di realizzare davvero il film, affiderebbe a Maya Hawke, la figlia di Uma Thurman, il ruolo di B.B., la figlia di Beatrix Kiddo, l’iconico personaggio interpretato dalla musa del regista in Kill Bill Vol. 1 e 2

Adesso, però, Tarantino ha sviscerato un altro interessantissimo dettaglio in merito alla realizzazione dei primi due capitoli di quella che – si spera! – possa realmente diventare una trilogia un giorno. Attualmente impegnato con la promozione del libro basato su C’era una volta a Hollywood, Tarantino ha rivelato a CinemaBlend che Thurman odiava l’iconica tuta gialla di Beatrix Kiddo.

“Uma odiava la tuta gialla”, ha spiegato Quentin Tarantino. “La odiava davvero. Ma non ho mai capito perché. Pensavo che assomigliasse a un ghiacciolo, un ghiacciolo alla banana. Semplicemente, non le piaceva. Quasi non aveva idea di chi fosse Bruce Lee. Alla fine ho dovuto mostrarle L’ultimo combattimento di Chen. In un certo senso, poi, l’ha capito. Da allora è diventato un costume veramente iconico. Probabilmente, ora non se lo ricorda nemmeno, ma all’epoca ripeteva sempre: ‘Stai cercando di farmi sembrare un pagliaccio!'”

Di cosa potrebbe parlare Kill Bill Vol. 3?

Negli anni trascorsi dall’uscita di Kill Bill Vol. 2 nelle sale, che ha chiuso la sanguinosa epopea di Beatrix Kiddo, Tarantino ha spesso parlato del desiderio di rivisitare il personaggio e sua figlia B.B. in una terza ipotetica puntata del franchise. In varie occasioni, infatti, ha affermato che il piano sarebbe quello di far tornare la figlia di Vernita Green (interpretata da Vivica A. Fox in Kill Bill Vol. 1), ora alla ricerca di vendetta contro Beatrix e B.B. La stessa Fox ha proposto Zendaya come possibile interprete della vendicativa Nikki Green.