willem dafoe

Willem Dafoe è uno degli attori più prolifici della storia del cinema. Conosciuto per la sua versatilità e per il suo inconfondibile viso, lotta per far sì che i film indipendenti possano godere di una più ampia distribuzione.

Dafoe ha lavorato con registi del calibro di Martin Scorsese, David Lynch, Oliver Stone, Kathryn Bigelow e Wes Anderson, dando vita a tanti diversi personaggi a cui, l’attore americano, è riuscito a dare profondità.

Willem Dafoe: moglie

willem dafoe

Willem Dafoe è sposato da diversi anni con una regista romana, Giada Colagrande. I due, che non hanno figli, hanno 20 anni di differenza e si sono sposati il 25 marzo del 2005, circa un anno dopo essersi conosciuti. Giada e Willem si sono incontrati a Roma all’inizio del 2004, sembra dopo la proiezione di un cortometraggio di Giada (alcuni dicono dopo la premere de Le avventure acquatiche di Steve Zissou).

Da quel momento i due hanno iniziato a scoprire di avere gli stessi interessi e di completarsi a vicenda. La loro vita è davvero molto privata e si sa ben poco di loro, tranne il fatto che si sono sposati con una cerimonia molto intima, giusto qualche persona.

Entrambi collaborano ai propri progetti e, dal 2005 in poi, Dafoe ha partecipato a quasi tutti quelli realizzati dalla moglie. È comparso nei suoi film Before it Had a Name (2005), Una donna – A Woman (2010), Bob Wilson’s Life & Death of Marina Abramovic (2012) e Padre (2016), mentre la moglie è apparsa nel film Pasolini (2014) di Abel Ferrara.

Willem Dafoe: Joker

 

Dafoe sarebbe potuto essere Joker. Dafoe è uno degli attori più apprezzati dell’industria cinematografica e lo era anche alla fine degli anni ’80. Qualche mese fa, l’attore ha dichiarato che avrebbe potuto interpretare il Joker nel Batman di Tim Burton del 1989.

Alla fine è stato Jack Nicholson a passare alla storia, ma Dafoe era stata una delle scelte. In origine, Tim Burton ed i suoi collaboratori avevano ristretto la cerchia intorno ai vari attori che avrebbe potuto interpretare il Joker: la rosa includeva Tim Curry, James Woods e John Lithgow.

Per diversi motivi, di lavoro o personali, nessuno di loro ha dato disponibilità. Dafoe venne contattato dallo sceneggiatore del film Sam Hamm: tuttavia, non gli venne mai formulata un’offerta definitiva, andata poi a Nicholson. Per Hamm e per un nutrito gruppo di fan, Dafoe sarebbe stato fisicamente perfetto per il ruolo e non è escluso che possa prenderne parte in futuro.

Willem Dafoe: Pasolini

willem dafoe

Nel 2014 venne presentato alla Mostra del Cinema di Venezia il film Pasolini, di Abel Ferrara. Più che un lungometraggio, il film è una sfida: quella di raccontare le ultime ore di vita di Pier Paolo Pasolini senza cadere nella retorica e senza creare polemiche sterili.

Vedere Dafoe nei panni del regista e poeta italiano è abbastanza sconvolgente: una somiglianza fisica pazzesca, per non parlare delle sua capacità di dare vita a un personaggio tutt’altro che semplice. Il lavoro di Dafoe non si è basato sull’imitazione: piuttosto, l’attore ha cercato di incarnare le sue azioni e riflessioni degli ultimi momenti della sua vita, dei sentimenti da lui provati, delle mille idee che aveva in mente.

Insieme a Dafoe, nel film appaiono anche Riccardo Scamarcio nei panni di Ninetto Davoli e il vero Davoli nei panni di Eduardo de Filippo.

Willem Dafoe: Spider-Man

willem dafoe

Uscito nel 2002, Willem Dafoe prese parte un anno prima alle riprese di Spider-Man, il primo film della trilogia di Sam Raimi. Dopo qualche controversia e cambi tra registi e sceneggiatori, per il ruolo del villain venne scelto il Goblin, l’alter ego di Norman Osborn, il padre del migliore amico di Spider-Man.

Ingaggiato nel novembre del 2000, Dafoe venne scelto dopo il rifiuto di Nicolas Cage, Jim Carrey e John Malkovich alla parte. Per poter dare un maggior realismo al personaggio, Dafoe si impose con la produzione, rifiutando determinatamente di farsi sostituire dagli stuntman durante le scene più pericolose, perché non sarebbe stato naturale.

Recentemente, l’attore ha ammesso che il personaggio del Goblin ha aiutato la sua carriera: abituato a far parte di un certo tipo di film indipendenti, che non hanno ampia distribuzione, un film popolare e dall’ottima fattura aiuta a dimostrare al mondo che si è ancora presenti nell’industria cinematografica.

Willem Dafoe: filmografia

willem dafoe

Willem Dafoe è un attore molto prolifico: in quasi 40 anni di carriera, ha girato circa due film l’anno, tra corti e lungometraggi blockbuster, autoriali e indipendenti. Il suo primissimo ruolo, dopo essere stato licenziato da Michael Cimino in I cancelli del cielo, risale a The Loveless (1982) di Kathryn Bigelow e Monty Montgomery.

Nella sua filmografia si annoverano film come Miriam si sveglia a mezzanotte (1983), Vivere e morire a Los Angeles (1985), Platoon (1986) di Oliver Stone, Nato il quattro luglio (1989), Cuore Selvaggio (1990) di David Lynch, Lo spacciatore (1992) di Paul Schrader, Così lontano così vicino (1993), Il paziente inglese (1996) ed eXistenZ (1999) di David Cronenberg. Gli anni Duemila sono costellati da titoli come American Psycho (2000), Spider-Man (2002), C’era una volta in Messico (2003), Le avventure acquatiche di Steve Zissou (2004), The Aviator (2004), Inside Man (2006), Antichrist (2009), My Son, My Son, What Have Ye Done (2009). E, ancora, Nynphomaniac – Vol. 1 e 2 (2013), La spia – A Most Wanted Man (2014), Grand Budapest Hotel (2014), Colpa delle stelle (2014), The Great Wall (2016), Assassinio sull’Orient Express (2017), Aquaman (2018) e Van Gogh – Sulla soglia dell’eternità (2017).

Fonti: IMDb, Biography, thefamouspeople