C'era una volta il west film

Nella filmografia del regista Sergio Leone il film del 1968 C’era una volta il West è considerato uno dei principali capolavori. Più volte indicato come uno dei migliori western mai realizzati, il film è un tripudio di epica e sentimento, capace di raccontare un paese e il suo mutare nel tempo. Proprio per questo tema, il film è considerato il primo episodio della Trilogia del Tempo di Leone, che proseguirà con Giù la testa (1971) e C’era una volta in America (1984). Il soggetto del film venne scritto da Leone insieme ai giovani Bernardo Bertolucci e Dario Argento. Questi, però, abbandonarono poi il progetto per dedicarsi ai loro nuovi film. Leone non si fece scoraggiare da ciò, e decise di ultimare la sceneggiatura del film con il fidato Sergio Donati.

 
 

Leone dichiarò che dopo Il buono, il brutto e il cattivo non voleva tornare a realizzare film di genere western. Si convinse però dopo che gli fu data l’occasione di lavorare con l’attore Henry Fonda, il suo preferito di sempre. A lui, poi, il regista affiancò nomi del calibro di Claudia Cardinale, Jason Robards e Charles Bronson. Ritrovandosi così a lavorare nuovamente in quell’immaginario, Leone dichiarò che il film sarebbe stato il suo più personale. Egli lo considerava infatti la propria versione della nascita di una nazione, raccontata attraverso le convenzioni e i trucchi delle ambientazioni western. Il film completò durava 165 minuti, e si decise di apportare dei tagli per raggiungere il più fruibile minutaggio di 145. Esiste però una director’s cut della durata di 175 minuti.

Al momento della sua uscita in sala, complici anche i tagli effettuati, il film non ottenne una grande accoglienza negli Stati Uniti. Con il tempo però, C’era una volta il West guadagnò un seguito di appassionati, che comprende anche celebri registi come Quentin Tarantino, Martin Scorsese, e George Lucas. Questi contribuirono alla rivalutazione del film, che arrivò infine ad essere considerato un vero e proprio capolavoro. Nel corso dei decenni, si è poi affermato come uno dei titoli più citati e omaggiati di sempre. Riferimenti al film di Leone si possono infatti ritrovare in pellicole di diverso genere come Ritorno al futuro – Parte III, Kill Bill: Volume 1, e C’era una volta in Messico. Tutto ciò prova una volta di più la grande influenza che il film ha avuto e ha tutt’ora nell’immaginario cinematografico mondiale.

C’era una volta il west: la trama del film

La vicenda del film si svolge nell’immaginaria città di Sweetwater, nel pieno west. Qui è presente l’unica fonte d’acqua della regione, la quale è ovviamente motivo di un accesso conflitto. La zona è infatti contesa da Brett McBain e Morton, concorrenti nel settore ferroviario. Entrambi aspirano infatti a costruire una locomotiva a vapore, che attraversando quella zona potrebbero usufruire della fonte d’acqua per il proprio sostentamento. Il progetto permetterebbe di collegare l’intero continente, ed è perciò una fonte di guadagno inestimabile a cui entrambi puntano. Per assicurarsi il primato, Morton ingaggia il sicario Frank per intimidire McBain. Questi, però, non si limita a spaventarlo, ma anzi uccide lui e i suoi figli. Facendo ciò, semina delle prove che farebbero ricadere la colpa sul bandito Cheyenne.

Il piano, però, sembra infrangersi nel momento in cui nella città arriva l’ex prostituta Jill McBain, la quale afferma di essere la moglie del defunto imprenditore ed unica erede del terreno. Allo stesso tempo, un misterioso pistolero soprannominato Armonica si mette sulle tracce di Frank, con l’intensione di compiere la sua vendetta nei confronti del sicario. Questi arriva a comprendere che la stessa Jill è in pericolo di vita e si offrirà di proteggerla. Ma Morton e Frank non sembrano disposti a cedere il terreno, e faranno di tutto pur di spaventare la donna e convincerla a cederlo a loro. La vicenda diventerà a quel punto sempre più intricata e le rivalità si faranno sempre più fitte, sfociando in una vera e propria caccia all’uomo.

C'era una volta il west cast

C’era una volta il west: il cast del film

Per la prima volta nel genere western, il cattivo del film viene interpretato dall’attore di punta. Il sicario Frank ha infatti il volto dell’attore Henry Fonda. Tra i più popolari interpreti di Hollywood, Fonda aveva costruito la propria carriera su personaggi positivi e incorruttibili. Per questo fu inizialmente riluttante all’idea di interpretare uno spietato sicario nel film di Leone. Il regista però non si arrese al primo rifiuto, e riuscì a convincere l’attore raccontandogli il modo in cui sarebbe apparso in scena. A quel punto, Fonda si convinse. Il primo giorno sul set si presentò con delle lenti a contatto marroni e una folta barba, che secondo lui avrebbero accentuato la malvagità del personaggio. Leone, però, gli chiese di togliere entrambi, poiché riteneva che i gelidi occhi azzurri dell’interprete erano perfetti per rappresentare la natura del killer.

Altro ruolo fondamentale è quello del misterioso Armonica. Il ruolo venne inizialmente offerto all’attore Clint Eastwood, che aveva già collaborato con Leone per la Trilogia del dollaro. L’attore, però, rifiutò la parte. L’attore Charles Bronson, con cui il regista desiderava lavorare da tempo, ottenne così il ruolo. Per il ruolo di Morton si considerarono diversi attori, italiani e americani. Ad ottenere la parte fu però Gabriele Ferzetti, celebre per aver recitato tra gli altri nel film L’avventura, del 1960. Egli si dichiarò entusiasta dell’occasione, e affermò di considerare il personaggio come uno dei migliori della sua carriera. Il due volte premio Oscar Jason Robards ricopre invece il ruolo del bandito Cheyenne.

Infine, impossibile dimenticare l’iconico personaggio di Jill McBain, divenuto uno dei ruoli femminili più celebri del genere western. Originariamente, Leone voleva affidare la parte all’attrice Sophia Loren. Tuttavia, preferì non farlo temendo che questa avrebbe finito con l’influenzare le riprese del film con il suo carattere autoritario. Preferì piuttosto assegnare il ruolo a Claudia Cardinale, conosciuta tramite amici. L’attrice, divenuta particolarmente popolare in quegli anni grazie a film come Il Gattopardo e 8½, si convinse a partecipare senza neanche il bisogno di leggere la sceneggiatura. La sua performance nel film contribuì ulteriormente alla sua popolarità internazionale, e le permise di diventare una delle icone cinematografiche italiane nel mondo.

C’era una volta il west: la colonna sonora del film, il trailer e dove vederlo in streaming

La colonna sonora del film è naturalmente affidata al maestro Ennio Morricone, che per Leone aveva già realizzato veri e propri capolavori. Quella composta per C’era una volta il West ha però raggiunto nuovi livelli di grandezza, affermandosi come una delle sue migliori. I brani per il film furono composti ben prima delle riprese, così che il regista potesse riprodurli in sottofondo, aiutando così gli attori nella loro interpretazione. Ogni personaggio, infatti, ha il proprio tema personale, che lo descrive e ne anticipa le azioni. Celebre è anche il grande utilizzo di suoni naturali che Leone e Morricone scelsero di utilizzare e che divennero parte integrante della colonna sonora insieme alla più canonica musica.

Per gli appassionati del film, o per chi desidera vederlo per la prima volta, sarà possibile fruirne grazie alla sua presenza nel catalogo di alcune delle principali piattaforme streaming oggi disponibili. C’era una volta il West è infatti presente su Rakuten TV, Now TV, Google Play e Apple iTunes. In base alla piattaforma scelta, sarà possibile noleggiare il singolo film o sottoscrivere un abbonamento generale al catalogo. In questo modo sarà poi possibile fruire del titolo in tutta comodità e al meglio della qualità video. Il film sarà inoltre trasmesso lunedì 28 settembre alle ore 21:10 sul canale Rai Movie.

Fonte: IMDb