L’esorcismo – Ultimo atto, la spiegazione del finale: Russell Crowe sopravvive a un’altra possessione demoniaca?

-

L’esorcismo – Ultimo atto di Joshua John Miller potrebbe non essere ufficialmente una voce canonica dell’influente franchise dell’Esorcista, ma è chiaramente un omaggio rispettoso. Il film segue le riprese del film horror fittizio “The Georgetown Project“, che sembra seguire una trama molto simile a quella de L’esorcista del 1973. Quando il protagonista del film (Adrian Pasdar) muore sul set in circostanze sospette, viene rapidamente sostituito dall’attore problematico Tony Miller (Russell Crowe).

Tony si cala nel ruolo di un prete assunto per esorcizzare un demone dal corpo di un’adolescente (un riferimento al padre di Joshua John Miller, Jason Miller, che ha interpretato Padre Karras ne L’esorcismo – Ultimo atto (la nostra recensione). Quando iniziano le riprese di “The Georgetown Project”, il set è afflitto da un’attività paranormale che nessuno riesce a spiegare, rispecchiando i decenni di voci intorno ai presunti set maledetti de Il presagio e L’esorcista. Uno spirito diabolico incombe sulle riprese e ha un interesse particolare per il Tony di Crowe. Ma riuscirà a ottenere ciò che vuole? Ecco tutto quello che è successo nel finale del nuovo film horror religioso.

Di cosa parla L’esorcismo – Ultimo atto?

Sam Worthington in L'esorcismo - Ultimo atto (2024)
Foto di Fred Norris – © Lightsavior Productions, LLC

Il film si apre con l’attore principale di “The Georgetown Project” che viene attaccato da una forza invisibile, facendolo precipitare dalla cima del set del film. A sostituirlo è la star d’azione Tony Miller, un vedovo traumatizzato con un rapporto teso con la figlia adolescente e ribelle Lee (Ryan Simpkins). Tony non è la scelta più intuitiva per il ruolo, ma il regista Peter (Adam Goldberg) è convinto che la sua lotta con i demoni interiori, molto pubblicizzata nella vita reale, si tradurrà con successo in una lotta demoniaca fittizia sullo schermo. È un ruolo di ritorno per Tony, la posta in gioco è alta, ma lui lo ottiene e costringe la neo-sospesa Lee a lavorare come P.A., dove entra subito in sintonia con la giovane attrice Blake (Chloe Bailey), che interpreta la vittima della possessione del film nel film.

Veniamo a sapere che Tony ha subito abusi da parte di un prete quando era un chierichetto. Questo spiega il suo gelido e scomodo primo incontro con il consulente ecclesiastico del film, Padre Conor (David Hyde Pierce), e anche il primo giorno di produzione, Tony sente qualcosa che non va. Seduto al trucco, gli sanguina il naso mentre riceve dei flashback di se stesso da ragazzo, ricordando un prete che gli spinge minacciosamente del vino in faccia.

Più tardi, a casa, Tony inizia a comportarsi in modo strano, dando inizio a un ciclo preoccupante: le sue performance non funzionano, innescando un crescente abuso della regia e un comportamento più strano a casa. Mentre Lee attribuisce il suo comportamento preoccupante allo stress, al sonnambulismo e alla mancata assunzione di farmaci, Tony inizia presto a mostrare azioni preoccupanti che non possono essere spiegate così semplicemente. Proprio così: Tony è stato colpito da un caso di possessione demoniaca.

Tony diventa posseduto mentre inizia le riprese di “The Georgetown Project”

Russell Crowe in L'esorcismo - Ultimo atto (2024)
Foto di Fred Norris – © Lightsavior Productions, LLC

Prima che Tony metta piede sul set, c’è una presenza demoniaca. Il cast e la troupe possono discutere sulla morte del loro ex co-protagonista Tom, ma l’apertura a freddo mostra che egli sentiva chiaramente delle voci su un set vuoto (tra cui una mimica demoniaca del “per favore aiutate mia figlia” del copione) poco prima di morire. Quando in seguito Tony trova la copia del copione dell’ex protagonista (accanto a una croce che è esattamente quella dei ripetuti ricordi traumatici di Tony), è ricoperta da variazioni scarabocchiate di “sa che non sarai salvato” (forse riecheggiando la ripetuta esortazione del Principe delle Tenebre di John Carpenter: “Non sarai salvato!”) e da immagini sataniche e simboli occulti. L’influenza demoniaca era già presente prima che Tony fosse assunto.

È un po’ difficile individuare il momento esatto in cui Tony diventa esplicitamente posseduto. Anche nella scena iniziale prima dell’audizione, c’è qualcosa di strano: Tony si confessa a un prete per la prima volta dopo 40 anni, ma la sua voce è improvvisamente molto più profonda e roca di quella della scena precedente. La sua confessione sembra, in un primo momento, inquietantemente simile al suo registro vocale quando il demone si impossessa di lui. È possibile, anche se non confermato, che ci sia un livello di influenza demoniaca in attesa di essere attivato prima che egli partecipi al set infestato.

Quando Blake fa fare a Lee il suo primo tour del set, viene intervallato da Tony che si fa tagliare i capelli in modo stranamente inquietante. Blake spiega che sul set viene colpita perché “quando facevano film sul diavolo, come Il presagio o L’esorcista o Poltergeist, succedevano un sacco di casini“. Torniamo a Tony, che riceve un breve flashback di un ricordo traumatico della sua infanzia come chierichetto. I casi di evidente possessione di Tony sono regolarmente accompagnati da flashback di quel momento, quindi sappiamo che questi ricordi e la possessione di Tony sono profondamente collegati.

Nella scena successiva, il pubblico può vedere brevemente che le mani della donna che sta sistemando il costume di Tony sono coperte da un enorme serpente tatuato insieme a simboli occulti (gli stessi che si trovano nell’inquietante copia del copione di Tom che Tony scopre in seguito). Tra il set maledetto, il passato di Tony e il possibile equipaggio sospetto, non c’è un modo chiaro per decifrare quale di questi fattori abbia causato la possessione (non c’è il momento “hai letto dal Necronomicon!”).

Il passato traumatico di Tony lo rende vulnerabile alla possessione

All’inizio del film, scopriamo che Tony ha un rapporto teso con Lee a causa del suo forte consumo di alcol e della sua assenza generale mentre la madre di Lee stava morendo. È chiaro che l’ormai sobrio Tony (che beve ancora qualche birra) ha profondi rimpianti per quel periodo della sua vita. Ogni volta che il regista Peter richiama alla mente quei momenti di rammarico, si verifica un aumento dell’attività demoniaca. Quando questo accade sul set, una luce si avvicina pericolosamente alla testa di Peter, e da lì in poi la situazione non fa che peggiorare. È chiaro che la vergogna di quei momenti è in qualche modo legata alla presa del demone su di lui. Purtroppo, questa non è l’unica fonte di emozioni represse con cui Tony deve fare i conti.

Quando Lee e Blake si consultano con Padre Conor, questi suggerisce che Tony potrebbe avere un trauma non riconosciuto che il demone sta portando in superficie. Lee afferma che sua madre le ha parlato di “cose sconvolte” accadute nell’infanzia di Tony. Man mano che il demone si insinua nell’animo di Tony, si ha uno sguardo più chiaro e profondo sul flashback che tormenta Tony dal periodo in cui era chierichetto: un prete costringe il giovane Tony a bere del vino, precedendo un momento di abuso chiaramente implicito.

Tony ha poi lasciato la chiesa cattolica e prova ancora un profondo disagio alla vista di un prete come padre Conor. È chiaro che quel tragico momento ha instillato in Tony una vergogna ancora più profonda. Il demone usa i ricordi e la vergogna per quel momento per aumentare la sua influenza su Tony. È possibile che questi ricordi a lungo repressi abbiano alimentato alcune delle abitudini più distruttive di Tony, esacerbate dalla morte della moglie, e che l’entità usi queste fonti di vergogna e di disprezzo di sé per aumentare la vulnerabilità di Tony alla sua possessione.

Chi è il demone che possiede il Tony di Russell Crowe?

russell crowe L'esorcismo - Ultimo atto

La storia dell’horror sulla possessione ha mostrato una varietà di demoni, entità o altri terrori cosmici come forza antagonista che abita una vittima, dal Pazuzu di derivazione assira de L’esorcista al re dell’inferno di Hereditary, Paimon, o persino Satana stesso in Prince of Darkness e molti altri. In questo caso, l’equipaggio si confronta con il demone dalla testa di toro Molech, il demone scelto per il film di finzione e un elemento reale della tradizione demonologica. Molech è profondamente associato al sacrificio rituale dei bambini.

Nel film viene nominato esplicitamente, ma la sua iconografia è presente in tutto il film. Nel cold open del film, l’attacco demoniaco subito dalla prima star del film comporta il flash di un dipinto di una figura con la testa di toro (un dipinto che vedremo più tardi sul set) con entrambe le mani alzate verso il cielo. Quando Tony scruta la vecchia copia del copione dell’attore deceduto, ci sono immagini di Molech che tiene in braccio un bambino. L’associazione con Molech è particolarmente preoccupante data la storia travagliata di Tony con la figlia e la crescente minaccia fisica che egli rappresenta per lei man mano che la possessione prende piede.

Una possibilità scioccante e pesante (anche se non confermata esplicitamente) è che Molech possa essere collegato agli abusi sessuali nella storia della chiesa cattolica. Con l’aumentare della possessione demoniaca su Tony, aumentano anche i flashback. Il pubblico ha la visione più dettagliata di quel momento inquietante in cui Padre Conor legge di Molech in un antico tomo, e c’è una regolare giustapposizione tra le immagini cattoliche (la croce del prete violento) e quelle di Molech (il dipinto con la testa di toro). In effetti, la croce che Tony trova tra le cose dell’ex star deceduta è la stessa croce specifica dei suoi ricordi traumatizzati. L’associazione di Molech con una terribile storia di sacrifici di bambini amplifica il terrore dell’uso gioioso di quei ricordi per tormentare Tony. Anche se non è confermato, è possibile che il film associ l’influenza di Molech a un modello di abuso efferato nella vita reale.

Come finisce L’esorcismo – Ultimo atto?

A 18 giorni dall’inizio delle riprese, la possessione demoniaca è in piena regola. Tony è chiaramente malato, ma Peter cerca di sollecitare una performance intensa da parte del suo attore principale facendo disgustosamente riferimento ai suoi abusi infantili. Ciò fa comprensibilmente precipitare Tony in una spirale di odio e il demone lo abita mentre si dirige al piano di sotto, contorcendosi a livelli disumani e terrorizzando la troupe. Tornati a casa di Tony, Lee e Blake trovano sostegno l’uno nell’altro prima che Tony attacchi i due con oscenità omofobe (per usare un eufemismo) e lasci la casa. Lee intuisce che è tornato sul set e lo scopre in pieno possesso nella camera da letto costruita per il confronto finale del film nel film, con Blake e Padre Conor in ginocchio in una posizione di preghiera congelata. Lee ottiene un vantaggio attaccando Tony con una croce.

Padre Conor, ormai sveglio, sfida il demone a usare lui come ospite e Molech lo fa. Il transfert libera Tony e i suoi ricordi traumatizzati ritornano completamente. Ferisce il potere del demone invocando i santi, poi sferra un colpo letterale al demone trafiggendolo con la croce, incendiando padre Conor mentre il demone viene sconfitto, Tony vince i suoi demoni interiori vincendo quelli esterni. Poiché il demone era così intimamente legato al dolore di Tony e da esso alimentato, scacciarlo porta a un futuro più luminoso e pieno di speranza; e, in modo appropriato, un futuro in cui il suo rapporto con Lee è migliore che mai. Tuttavia, mentre il film si conclude con una nota di speranza (Tony sembra persino essersi riconciliato con le sue radici cattoliche), chi può dire se il demone sia stato sconfitto una volta per tutte? Una cosa è certa, però: Tony dovrebbe limitarsi ai film d’azione.

Redazione
Redazione
La redazione di Cinefilos.it è formata da un gruppo variegato di appassionati di cinema. Tra studenti, critici, giornalisti e aspiranti scrittori, il nostro gruppo cresce ogni giorno, per offrire ai lettori novità, curiosità e informazione sul mondo della settima arte.

Articoli correlati

- Pubblicità -
 

ALTRE STORIE

UFO Sweden trama film

UFO Sweden: tutte le curiosità sul film di fantascienza

Anche la Svezia hai suoi film sugli alieni, come UFO Sweden, diretto da Victor Danell a partire da un’idea del gruppo Crazy Pictures in...
- Pubblicità -