X-Men: Dark Phoenix

La conclusione di X-Men: Dark Phoenix che vedremo in sala non corrisponde a quella originariamente prevista dalla sceneggiatura, dettaglio del quale hanno discusso in una recente intervista con Yahoo UK James McAvoy e Michael Fassbender.

 
 

Parlando infatti delle riprese, l’attore scozzese ha rivelato che il finale del film è cambiato molto nel corso della lavorazione a causa di “sovrapposizioni e parallelismi con la trama di un altro cinecomic uscito qualche tempo fa“.

McAvoy ovviamente non ha fatto riferimento a nessun titolo in particolare, ma le speculazioni sono possibili se guardiamo alle uscite degli ultimi due anni, da quando insomma Dark Phoenix è stato annunciato. Ad oggi ben undici film targati DC o Marvel sono arrivati in sala in quel periodo: Thor: Ragnarok, Justice League, Black Panther, Avengers: Infinity War, Deadpool 2, Ant-Man and the Wasp, Venom, Aquaman, Captain Marvel, Shazam! e Avengers: Endgame, quindi uno fra questi potrebbe essere il “colpevole”.

Se poi consideriamo che soltanto Thor: Ragnarok, Infinity War, Captain Marvel e Endgame hanno presentato nella trama lunghe sequenze ambientate nello spazio, il raggio di ricerca dovrebbe ridursi ulteriormente, senza contare che lo standalone con Brie Larson ha un climax narrativo molto simile a quello di Dark Phoenix e le vicende della supereroina coinvolgono gli Skrull, alieni mutaforma che ritroviamo – anche se con un aspetto e un nome differente – nel film sui Mutanti.

Dunque è Captain Marvel il risultato dell’enigma?

Avevamo delle spie sul set“, scherza nell’intervista Michael Fassbender, “ci hanno fondamentalmente rubato le nostre idee“.

Leggi anche – X-Men: Dark Phoenix, la conferenza stampa con il cast

CORRELATI:

Dark Phoenix è già stato apostrofato da Kinberg come l’inizio di un nuovo capitolo per la serie di film di X-Men. “Lo vedo come un nuovo capitolo. Lo vedo come qualcosa che prende il franchise e lo lancia in una direzione diversa con toni diversi. E questo non significa che il prossimo avrà lo stesso tono, significa solo che il prossimo può avere un tono diverso. Penso che per molti anni, gli X-Men di Bryan [Singer] abbiano davvero trasformato il genere dei supereroi nel 2000 o 2001 quando è uscito il primo. Questo arriva quasi 20 anni dopo. È molto tempo fa. E a quel tempo, i film sui supereroi non erano molto popolari, in realtà. C’erano stati alcuni fallimenti a metà degli anni ’90, e non c’erano stati molti film sui supereroi,  e in quel periodo l’approccio sugli X-Men era davvero rivoluzionario.”

Scritto e diretto da Simon Kinberg, X-Men: Dark Phoenix il nuovo episodio è interpretato da  Sophie TurnerJames McAvoyMichael FassbenderJennifer LawrenceNicholas Hoult, Tye Sheridan, Alexandra Shipp e Jessica Chastain. Il film arriva nelle nostre sale il 6 giugno.

X-Men: Dark Phoenix, Jean Grey perde il controllo nel nuovo trailer

Fonte: Yahoo UK