Elijah Wood: 10 cose che non sai sull’attore

-

Attore particolarmente versatile, Elijah Wood viene tuttavia ricordato per un unico grande ruolo, che gli ha regalato la fama eterna all’interno dell’industria: si tratta del giovane Frodo della trilogia di Il Signore degli Anelli. Grazie a tale personaggio ha potuto imporre il suo come uno dei volti di punta, ottenendo il plauso generale di critica e pubblico. Negli anni, però, Wood ha saputo più volte reinventarsi, distinguendosi per la sua partecipazione ad altri grandi successi, in particolare all’interno del circuito di film indipendenti. Ecco 10 cose che non sai su Elijah Wood.

Parte delle cose che non sai sull’attore

Elijah Wood Il Signore degli Anelli

Elijah Wood: i suoi film e le serie TV

10. Ha recitato in celebri lungometraggi. L’attore debutta al cinema con un piccolo ruolo nel film Ritorno al futuro – Parte II (1989), per poi acquisire popolarità grazie a titoli come Il grande volo (1991), Genitori cercasi (1994) e Deep Impact (1998). La fama mondiale arriva però grazie a Il Signore degli Anelli La Compagnia dell’Anello (2001) e ai sequel Il Signore degli Anelli – Le due torri (2002) e Il Signore degli Anelli – Il ritorno del re (2003). In questi film ha modo di recitare accanto agli attori Ian McKellen, Viggo Mortensen Orlando Bloom. In seguito, ha partecipato ad altri noti film come Eternal Sunshine of the Spotless Mind (2004), con Jim Carrey, Sin City (2005), Ogni cosa è illuminata (2005), di Liev Schreiber, Maniac (2012), Il ricatto (2014), The Last Witch Hunter (2015), con Vin Diesel, e I Don’t Feel at Home in This World Anymore (2017).

9. Ha presto parte a celebri produzioni televisive. Di recente Wood si è dedicato in particolare a recitare per il piccolo schermo, ed è stato in particolare protagonista della fortunata sitcom Wilfred, dove ha ricoperto il ruolo di Ryan Newman dal 2011 al 2014. In seguito ha invece recitato in Dirk Gently – Agenzia di investigazione olistica (2016-2017), nel ruolo di Todd Brotzman. Nel 2019 è invece apparso come guest star in alcuni episodi della sesta stagione della serie Drunk History.

8. È apprezzato come doppiatore. Nel corso della sua carriera Wood si è distinto anche per la sua attività di doppiaggio. In particolare, è ricordato per essere stato la voce del pinguino protagonista di Happy Feet (2006) ed Happy Feet 2 (2011). Ha poi doppiato il perogsonaggio principale del film d’animazione 9 (2009), mentre in seguito è stato tra i doppiatori di Si alza il vento (2013), e delle serie animate TRON: Uprising (2012-2013), Over the Garden Wall (2014) e Star Wars: Resistance (2018-2020).

Elijah Wood: chi è sua moglie

7. È molto riservato sulla sua vita sentimentale. Nel tempo Wood si è dimostrato particolarmente attento a non condividere particolari dettagli circa la sua vita privata. Tuttavia, dal 2017 è risaputa la sua relazione con la produttrice Matte-Marie Kongsved, conosciuta grazie al film I Don’t Feel at Home in This World Anymore. Di recente sono circolate alcune voci secondo cui la coppia si sarebbe sposata in gran segreto e che sono in attesa del primo figlio. I due non hanno però ancora confermato né smentito tali dichiarazioni.

Elijah Wood in Ritorno al futuro

6. Ha avuto una piccola parte nel celebre film. Il primo ruolo cinematografico dell’attore risale al 1989, con il film Ritorno al futuro – Parte II. Qui Wood interpreta il ragazzino con la maglietta rossa che guarda il protagonista, Michael J. Fox, giocare ad un videogioco nel futuro. All’epoca di questa sua prima partecipazione ad un film l’attore aveva appena otto anni.

Parte delle cose che non sai sull’attore

Elijah Wood altezza

Elijah Wood in Il Signore degli Anelli

5. Sono stati utilizzati dei trucchi per farlo risultare più basso. Interpretando un Hobbit, era necessario che Wood apparisse particolarmente più basso rispetto agli altri attori presenti sul set. Per riuscire in ciò, sono stati utilizzati diversi trucchi, dal far posizionare l’attore in modo strategico per la corretta illusione ottica al dotare gli altri interpreti di rialzi fisici affinché apparissero più alti.

4. È stato aiutato nell’interazione con un personaggio. Nel corso della trilogia l’attore condivide molte scene con il personaggio di Gollum. Poiché questi sarebbe stato realizzato tramite CGI, il regista Peter Jackson chiese all’attore Andy Serkis di recitare fisicamente la parte sul set, così da aiutare Wood nell’interazione con il personaggio.

3. Ha sfoggiato una sua abilità. Nel terzo film della trilogia, il personaggio di Frodo si scontra con il terribile Shelob. Per la scena dove viene ridotto in stato comatoso, intrappolato nella ragnatela del mostro, l’attore mette in pratica una sua nota abilità. Wood è infatti capace di rimanere fisso per lungo tempo con lo sguardo senza mai sbattere le ciglia. Ciò è tornato particolarmente utile per tale specifico momento.

Elijah Wood in Sin City

2. Il suo volto è stato modificato per il film. All’interno del film Sin City l’attore ricopre il ruolo di Kevin, un serial killer cannibale privo dell’uso della parola. Per rendere il personaggio ancor più disturbante per il pubblico, all’attore furono cambiati alcuni connotati in post-produzione. In particolare il suo mento venne pesantemente modificato per risultare meno comune.

Elijah Wood: età e altezza

1. Elijah Wood è nato a Cedar Rapids, Iowa, Stati Uniti, il 28 gennaio del 1981. L’attore è alto complessivamente 168 centimetri.

Fonte: IMDb

Gianmaria Cataldo
Gianmaria Cataldo
Laureato in Storia e Critica del Cinema alla Sapienza di Roma, è un giornalista pubblicista iscritto all'albo dal 2018. Da quello stesso anno è critico cinematografico per Cinefilos.it, frequentando i principali festival cinematografici nazionali e internazionali. Parallelamente al lavoro per il giornale, scrive saggi critici e approfondimenti sul cinema.

Articoli correlati

- Pubblicità -

ALTRE STORIE

Dall'alto di una fredda torre Vanessa Scalera

Dall’alto di una fredda torre, la scelta di Vanessa Scalera ed...

Al cinema dal 13 giugno, distribuito da Lucky Red, la storia di Dall'alto di una fredda torre (qui la recensione) nasce sul palcoscenico del teatro,...
- Pubblicità -