Daniel Radcliffe ha odiato girare queste scene di Harry Potter

Harry Potter

Ciò che rende la serie di Harry Potter così magica è la sua intera cultura narrativa, da ogni lato del bene e del male, alle interazioni tra gli esseri magici, a tutti i luoghi intricati che si trovano nella serie. Che si tratti dei diversi negozi di Diagon Alley o delle varie scuole per maghi, l’universo di Harry Potter è incredibilmente ricco di dettagli. Uno degli aspetti più amati del mondo magico è il Quidditch, la gara di corsa con la scopa in cui Harry Potter (Daniel Radcliffe) eccelle. Tuttavia, quando a Radcliffe è stato chiesto di parlare della sua esperienza con i film, le scene che riguardano il Quidditch sono state quelle che ha assolutamente odiato.

Immaginate di essere un giovane Radcliffe. Dopo innumerevoli audizioni, finalmente vi viene detto che il ruolo della vostra vita, il personaggio di Harry Potter, è tutto vostro. Per il resto della tua giovane infanzia, sarai immerso nelle riprese di un film enorme dopo l’altro, attraverso l’intera serie di adattamenti dei libri. Sembra incredibile, vero? Ebbene, Radcliffe ha confermato che lo è stato davvero, ma questo non significa che non abbia avuto anche qualche opinione negativa sulla sua esperienza. Dopo tutto, anche lui è un babbano nella vita reale.

3Come giocano streghe e maghi a Quidditch in “Harry Potter“?

Harry Potter quidditch

Senza dubbio, i fan sanno bene che lo sport del Quidditch – in cui due squadre si affrontano e si contendono la vittoria volando su veloci scope – ha origine nel mondo magico. Le regole prevedono che ogni squadra giochi con sette giocatori e che segni i punti facendo lanciare ai suoi inseguitori una palla rossa, chiamata Quaffle, attraverso uno dei tre cerchi della porta avversaria. I tre cerchi sono sorvegliati da un Guardiano, che ha il compito di impedire che vengano segnati punti contro la propria squadra. A parte il volo, questo sport sembra abbastanza familiare, ma sono i jolly del Quidditch che lo elevano a un livello completamente nuovo.

Prima che i fan di Harry Potter fossero esposti a tradimenti e morti tragiche, le cose erano molto più semplici. Quando due squadre lottano per fare gol, ci sono dei Bludger di colore nero che volano in giro, con l’obiettivo di far cadere gli inseguitori dalle loro scope. Ma questi giocatori offensivi non restano senza protezione, perché ogni squadra ha dei Battitori che usano le loro mazze per respingere i Bludgers. Tutto questo avviene mentre un giocatore di ogni squadra è impegnato in una gara secondaria a parte: la cattura del Boccino d’oro. Il Boccino d’oro è una palla alata caotica e veloce che i Cercatori competono per catturare. Una volta catturato il Boccino d’oro, la squadra guadagna altri 150 punti (rispetto ai 10 punti di un gol normale) e la partita si conclude.

Fin dall’inizio del primo film, Harry Potter e la Pietra filosofale, Harry entra nella squadra di Quidditch dei Grifondoro come Cercatore, diventando il più giovane studente a farlo, e tutto per caso. Durante una delle sue prime lezioni di scopa, Harry, da eroe naturale qual è, difende l’onore del suo nuovo amico Neville (Matthew Lewis) mentre Draco Malfoy (Tom Felton) gli sottrae un gingillo magico. L’abilità di Harry con la scopa, che vola nel cielo e strappa a Draco il premio rubato, cattura l’attenzione della professoressa McGranitt (Maggie Smith), che si rende conto che Harry possiede le stesse capacità di Cercatore che aveva suo padre.

Indietro