Shōgun: ecco come potrebbe espandersi per una seconda stagione

-

La notizia che Hiroyuki Sanada ha recentemente firmato un accordo per tornare potenzialmente per una seconda stagione di Shōgun ha colto tutti di sorpresa. Con questo annuncio è arrivata anche la rivelazione che la serie potrebbe prendere in considerazione un passaggio nelle categorie degli Emmy da Limited Series a Drama, il che significa effettivamente che Shōgun non è una miniserie, ma piuttosto una serie in corso con molte potenziali stagioni. Il problema è che la stagione 1 ha concluso perfettamente tutti gli archi narrativi e ha ucciso molti personaggi chiave, quindi come può la serie andare avanti? Come sempre, la risposta si trova sia nella storia che negli altri romanzi di James Clavell.

La seconda stagione di “Shōgun” potrebbe continuare la storia dello shogunato di Toranaga

 

shogun finale tadanobu-asano-hiroyuki-sanadaIl finale di stagione di Shōgun è tra le migliori opere televisive dell’anno. L’intera stagione è una cavalcata emozionante, ma il finale lega il tutto in modo così netto che non si può biasimare chi non si aspetta altro dalla serie. La serie è basata sull’omonimo romanzo di James Clavell, che racconta una storia autonoma che termina nello stesso punto in cui termina la stagione 1 di Shōgun. Il romanzo di Clavell è, a sua volta, un dramma storico che adatta l’ascesa della controparte storica di Lord Toranaga, Tokugawa Ieyasu, come shōgun. Naturalmente, la storia continua dopo l’inaugurazione dello shogunato Tokugawa, e questo è un percorso molto probabile per una potenziale seconda stagione.

In qualità di Shōgun, Tokugawa ha inaugurato una nuova era di pace in Giappone dopo decenni di conflitti civili quasi ininterrotti tra i signori della guerra, un periodo noto come periodo Edo. Il ruolo dello shōgun è essenzialmente militare, quindi la pace fu imposta in tutto il Giappone grazie alla potenza militare di Tokugawa e del suo clan, che chiuse l’intero Paese al mondo. L’arrivo di un marinaio britannico di nome William Adams – la controparte di John Blackthorne (Cosmo Jarvis) nella vita reale – durante la guerra civile fu un avvertimento che la sovranità del Giappone era minacciata dalle nazioni europee, che cercavano di esplorare il Paese come un mercato usando la religione come un modo per guadagnarsi la fiducia della gente. Così Tokugawa vietò il cristianesimo e la presenza europea in Giappone, come si vede in storie come Blue Eye Samurai di Netflix e l’epopea religiosa Silence di Martin Scorsese.

Nel contesto nazionale, Tokugawa non governò incontrastato all’inizio. Dopo decenni di conflitti ininterrotti, ci volle un po’ di tempo prima che le cose si sistemassero. Il suo predecessore, Toyotomi Hideyoshi, lasciò un erede che divenne maggiorenne dopo che lo shogunato era già consolidato, il che portò a un breve conflitto civile. In Shōgun, si tratta del giovane Nakamura Yaechiyo (Sen Mars), figlio del defunto Taikō e di Lady Ochiba no Kata (Fumi Nikaido). A quel punto, però, Tokugawa aveva già dato il titolo di Shōgun al figlio, ma era ancora il sovrano de facto e schiacciò questa ribellione. Inoltre, guidò gli sforzi per la costruzione della nuova capitale del Giappone, Edo. Quindi, sì, c’è molto terreno storico da coprire per una potenziale continuazione della storia di Toranaga.

Molte relazioni potrebbero essere sviluppate in una seconda stagione di “Shōgun”

Shōgun

Ciò che ha fatto risaltare la prima stagione di Shōgun è il suo trio di grandi protagonisti: Lord Toranaga, John Blackthorne e Lady Toda Mariko (Anna Sawai). Le loro storie sono intimamente legate e ciò che accade a uno di loro si ripercuote inevitabilmente sugli altri due. Tuttavia, il finale di stagione chiude di fatto l’arco narrativo di Toranaga e Blackthorne, mentre la storia di Mariko si conclude nell’episodio precedente con la sua morte. Quindi la domanda naturale che ne consegue è: dove può andare Shōgun con questi personaggi?

Da un punto di vista narrativo, Shōgun non ha l’obbligo di seguire rigorosamente gli eventi storici su cui si basa la prima stagione, e si può prendere molte libertà artistiche a vantaggio della storia che potrebbe raccontare in un’eventuale seconda stagione. Anche se Mariko è morta, ad esempio, suo marito, Toda “Buntaro” Hirokatsu (Shinnosuke Abe), è ancora vivo e fedele a Toranaga. Buntaro è un personaggio complesso, figlio di uno dei più stretti alleati di Toranaga, sempre in conflitto tra la richiesta di fedeltà a Mariko e i propri doveri verso Toranaga, il che lo porta a un costante conflitto con Blackthorne. Ora, senza Mariko, deve trovare un nuovo posto al servizio di Toranaga e anche il suo rapporto con Blackthorne potrebbe prendere una piega completamente diversa.

In Ajiro, la morte di Kashige Yabushige (Tadanobu Asano) lascia il suo brillante nipote, Kashige Omi (Hiroto Kanai), come signore del villaggio e uno dei principali alleati di Toranaga nella regione. Per quanto Yabushige fosse simpatico e divertente, era anche una possibile minaccia per il suo signore in quanto agente doppiogiochista che lavorava per i suoi nemici, e sarebbe interessante vedere se il suo erede seguirà la stessa strada. Seguendo un percorso più accurato dal punto di vista storico, anche la maturità di Yaechiyo può rappresentare una minaccia, soprattutto con la presenza della madre politicamente acuta, Lady Ochiba, sempre in giro. Inoltre, con la chiusura del Giappone agli europei, è inevitabile che sorga un conflitto con i missionari portoghesi. Padre Martin Alvito (Tommy Bastow), ad esempio, si è sempre risentito con Blackthorne per aver presumibilmente allontanato Mariko dal suo stretto rapporto con il cristianesimo, quindi anche questo tipo di interazione sarebbe interessante da vedere.

Possibile anche un universo più ampio di “Shōgun” basato sui romanzi di James Clavell

Shōgun differenze libro

Il romanzo Shōgun di James Clavell è in realtà parte di un universo più ampio. È il primo capitolo cronologico della sua Saga Asiatica, una raccolta di romanzi che racconta una storia che attraversa i secoli dell’Asia orientale e dell’Estremo Oriente. Infatti, i co-creatori della serie Rachel Kondo e Justin Marks hanno già rivelato a Collider che vorrebbero adattare un altro romanzo della Saga asiatica, intitolato Tai-Pan, che si svolge quasi 200 anni dopo gli eventi di Shōgun ed è ambientato a Hong Kong. Racconta la storia di due clan britannici rivali, gli Struan e i Brock, in lotta per il controllo del commercio nella regione per molti decenni.

Sebbene i dettagli siano scarsi, quello per cui Hiroyuki Sanada ha firmato potrebbe benissimo essere un adattamento di Tai-Pan, con lui che interpreta semplicemente un altro personaggio nell’adattamento della Saga asiatica di Clavell. All’epoca in cui si svolge il libro, il Giappone era ancora una terra chiusa, ma Hong Kong era un centro commerciale che attirava persone da tutta l’Asia orientale, compresi i mercanti giapponesi. Sebbene il romanzo sia incentrato principalmente sulle famiglie inglesi in guerra, c’è sicuramente spazio per personaggi originali, soprattutto se interpretati da un attore di talento come Sanada.

Un adattamento di Tai-Pan è interessante per molte ragioni, la più importante delle quali è la possibilità di un crossover con lo stesso Shōgun. Anche se le trame di questi due film sono separate da secoli, il romanzo finale della saga asiatica, Gai-Jin, torna in Giappone all’inizio della fine del periodo Edo, quando il clan Toranaga governa ancora come shogunato. In effetti, un discendente di Lord Toranaga ha rapporti con un discendente della famiglia Struan. Quindi Hiroyuki Sanada potrebbe tornare per interpretare un altro Toranaga e chiudere la saga familiare al crepuscolo del periodo Edo. Sono tutte possibilità interessanti, ma ciò che conta di più è che ogni storia legata all’universo di James Clavell è sicuramente una buona storia, soprattutto se tradotta sugli schermi da artisti come Sanada.

Redazione
Redazione
La redazione di Cinefilos.it è formata da un gruppo variegato di appassionati di cinema. Tra studenti, critici, giornalisti e aspiranti scrittori, il nostro gruppo cresce ogni giorno, per offrire ai lettori novità, curiosità e informazione sul mondo della settima arte.

Articoli correlati

- Pubblicità -

ALTRE STORIE

The Bikeriders backstage

The Bikeriders: Jeff Nichols e Austin Bulter raccontano il film

Uomini duri e incapaci di guardarsi dentro, raccontati dal punto di vista di una delle loro donne, mentre sullo sfondo si srotola il più...
- Pubblicità -