Adagio: la spiegazione del finale e il significato del film

-

Presentato in concorso alla Mostra del Cinema di Venezia 2023, il film Adagio (qui la recensione) di Stefano Sollima chiude la “trilogia della Roma criminale” – iniziata con Romanzo criminale – La serie (2008-2010) e proseguita con Suburra (2015) – con un noir che si concentra su tre ex componenti della Banda della Magliana ormai in declino e prossimi alla disfatta. Il titolo del film diventa dunque il ritmo a cui questi personaggi si muovono mentre cercano di compiere le ultime mosse della loro vita. Pur essere un film ricco d’azione, Adagio è dunque prevalentemente un’opera intimista, con cui Sollima riflette sulle relazioni umane.

In questo caso, Sollima realizza dunque un film molto più intimista e crepuscolare, che va dunque a mostrare la decadenza di quel mondo criminale e l’estinzione dei suoi rappresentanti. Intorno a loro, il regista costruisce una Roma altrettanto segnata dalla violenza, specchio delle vicende narrate in primo piano nel film. Una Roma narrata non attraverso i suoi luoghi più iconici bensì attraverso quegli angoli meno visti al cinema e in televisione, più urbana e caotica, dove chi la abita è in continuo movimento. Adagio, infatti, è un film di movimenti, ognuno con il proprio ritmo.

Il film è ora disponibile su Netflix, che ha partecipato alla sua realizzazione, e da quando è diventato disponibile nel catalogo della piattaforma è subito divenuto uno dei titoli più visti in Italia. In questo articolo, approfondiamo dunque alcune delle principali curiosità relative a Adagio. Proseguendo qui nella lettura sarà infatti possibile ritrovare ulteriori dettagli relativi alla trama, al cast di attori, alla storia vera a cui si ispira e alla spiegazione del finale e al significato del film. Infine, si elencheranno anche le principali piattaforme streaming contenenti il film nel proprio catalogo.

Adagio cast film

La trama e il cast di Adagio

Manuel, un ragazzo di sedici anni, cerca di godersi la vita come può, mentre si prende cura dell’anziano padre Daytona. Vittima di un ricatto, va a una festa per scattare alcune foto a un misterioso individuo ma, sentendosi raggirato, decide di scappare. Si ritrova così inseguito dai ricattatori che si rivelano essere estremamente pericolosi e determinati a eliminare quello che ritengono uno scomodo testimone. Manuel capisce di essere invischiato in qualcosa che è più grande di lui e sarà costretto a chiedere protezione a due ex-criminali, vecchie conoscenze del padre: Polniuman e Cammello.

Ad interpretare Manuel vi è l’attore Gianmarco Franchini, qui al suo primo ruolo in un film. Suo padre Mario Coretti, detto “Daytona”, è invece interpretato da Toni Servillo, mentre Polniuman è interpretato da Valerio Mastandrea. Romeo Baretta, detto “Cammello”, ha invece il volto di Pierfrancesco Favino. Per il ruolo, l’attore si è trasformato radicalmente, sia tramite il trucco sia mettendo su una certa massa muscolare. Nel ruolo dei due agenti corrotti che inseguono Manuel, Vasco e Bruno, si ritrovano invece gli attori Adriano Giannini e Francesco Di Leva.

La storia vera dietro i personaggi di Adagio

Al di là dei roghi e dei conseguenti blackout che nel film mettono Roma in ginocchio, ispirati a reali avvenimenti – anche se qui portati all’estremo – Adagio trova delle basi nella realtà nel momento in cui i tre vecchi criminali interpretati da Servillo, Favino e Mastandrea si rivelano essere i tre membri superstiti della Banda della Magliana. Nella realtà, ad essere ancora vivi di quel gruppo, sono Roberto Fittirillo, Salvatore Nicitra, Maurizio Abbatino, Fulvio Luccioli e Raffaele Pernasetti. I personaggi del film non sono però direttamente basati su di loro, ma traggono liberamente ispirazione dalle loro vite successive allo scioglimento del gruppo.

Adagio storia vera

La spiegazione del finale e il significato del film

Adagio racconta la storia di tre generazioni: le vecchie glorie della criminalità, i nuovi criminali e i giovani rappresentati del futuro, il cui destino è ancora tutto da decidere. I percorsi dei rappresentanti di queste si scontrano ripetutamente nel film fino ad un finale in cui Cammello capisce che nonostante Manuel stia per lasciare la città è comunque in pericolo, in quanto chi gli dà la caccia ha saputo dove trovarlo. Si reca dunque in una stazione Tiburtina nel caos totale poiché molti treni sono stati fermati a causa degli incendi e dei cali di tensione.

Qui trova Vasco e Bruno, i due poliziotti corrotti che stanno cercando il ragazzo. I due ROS ingaggiano una sparatoria con Cammello, che muore insieme a Bruno. Vasco, a sua volta ferito e in fin di vita, prova a inseguire Manuel ma spira poco dopo su una panchina accanto ai binari. Il giovane può allora smettere di scappare. Al commissariato, mentre alla televisione annunciano che il politico da lui filmato all’orgia si è dimesso a causa di uno scandalo, Manuel incontra uno dei figli di Vasco, ignaro che lo sia, e gli regala le sue cuffie.

Questo gesto di generosità, su cui si chiude il film, lancia dunque un messaggio di speranza nei confronti delle nuove generazioni, desiderose di smarcarsi dall’eredità dei padri per costruire qualcosa di nuovo e di migliore. Il significato di Adagio sta tutto qui, nello scontro tra generazioni e nella loro differente attitudine alla vita. Mentre le vecchie glorie vorrebbero essere lasciate in pace e i nuovi criminali cercano di prendersi tutto, i giovani sono invece guidati da valori più sani e non vogliono avere nulla a che fare con la violenza.

Nella prima parte dei titoli di coda, poi, vengono ricordati Polniuman, il Cammello e Daytona con due foto della loro epoca d’oro intervallate da alcune brevi scene che illustrano la mesta fine dei loro cadaveri: i primi due sono portati all’obitorio, il papà di Manuel viene invece schiacciato da uno sfasciacarrozze assieme alla macchina in cui è rinchiuso. I tre, che per tutto il film erano stati raffigurati come morti viventi che lentamente (adagio, appunto) si abbandonano a sé stessi, ottengono così la fine che gli spetta.

Il trailer di Adagio e dove vedere il film in streaming

È possibile fruire di Adagio grazie alla sua presenza su alcune delle più popolari piattaforme streaming presenti oggi in rete. Questo è infatti disponibile nei cataloghi di Rakuten TV, Google Plya, Apple TV, Infinity+, Now, Prime Video e Netflix. Per vederlo, una volta scelta la piattaforma di riferimento, basterà noleggiare il singolo film o sottoscrivere un abbonamento generale. Si avrà così modo di guardarlo in totale comodità e ad un’ottima qualità video.

Gianmaria Cataldo
Gianmaria Cataldo
Laureato in Storia e Critica del Cinema alla Sapienza di Roma, è un giornalista pubblicista iscritto all'albo dal 2018. Da quello stesso anno è critico cinematografico per Cinefilos.it, frequentando i principali festival cinematografici nazionali e internazionali. Parallelamente al lavoro per il giornale, scrive saggi critici e approfondimenti sul cinema.

Articoli correlati

- Pubblicità -

IN EVIDENZA

ALTRE STORIE

- Pubblicità -