The Cursed: la spiegazione del finale del film horror

-

Il lupo mannaro è stato più volte protagonista di film per il cinema, dall’iconico Un lupo mannaro americano a Londra (1984) sino a titoli come Wolf – La belva è fuori (1994), Underworld (2003), Wolfman (2010) o Licantropus (2022) o Viking Wolf (2023). Su Netflix, ora, si può ritrovare un altro affascinante film dedicato a questa spaventosa creatura: The Cursed, film presentato al Sundance Film Festival 2021 con il titolo Eight for Silver e diretto dell’inglese Sean Ellis, già regista del crime Metro Manila e del film di guerra Anthropoid.

Il regista Sean Ellis ha dichiarato che l’ispirazione per questo film è venuta da L’uomo lupo (1941), ma di essersi ispirato anche alla storia della Bestia di Gévaudin per scrivere questo racconto. Tuttavia, egli ha deciso di dare alla vicenda e alla figura del lupo un significato tutto suo, parlando di dipendenze, di maledizioni che si tramandano di generazione in generazione e di colpe dei padri che ricadono sui figli. Una vicenda dunque più ricca di significati di quel che si potrebbe pensare, costruita all’interno dei canoni del genere horror d’ambientazione passata, similmente a quanto fatto con The Witch.

Il film mescola effetti pratici e Cgi, lavorando in particolare sul costruire un’atmosfera particolarmente cupa e tesa, che suscita crescente orrore, fino al suo ambiguo finale. Per gli appassionati del genere, si tratta dunque di un titolo da non perdere, che grazie al suo arrivo su Netflix è ora possibile riscoprire. In questo articolo, approfondiamo dunque alcune delle principali curiosità relative a The Cursed. Proseguendo qui nella lettura sarà infatti possibile ritrovare ulteriori dettagli relativi alla trama, al cast di attori e alla spiegazione del finale.

The Cursed film trama

La trama e il cast di The Cursed

Ambientato nel XIX secolo nelle campagne francesi, il film ha per protagonista l’investigatore John McBride, che viene inviato in uno sperduto paesino per determinare se il cadavere di un adolescente di quattordici anni, trovato nei boschi, è opera di un uomo o di un animale. Viene ospitato da Seamus Laurent, un ricco proprietario terriero, e sua moglie Isabelle. Anche loro sono disperati perché il loro figlio, amico della vittima, è scomparso da due settimane. Ben presto, McBride si renderà conto che l’intera popolazione del luogo è perseguitata da un’oscura creatura sempre più affamata e intenzionata a mietere nuove vittime.

Il protagonista di The Cursed è Boyd Holbrook, noto per aver interpretato nelle prime due stagioni di Narcos l’agente della DEA Steve Murphy. Holbrook ha amato così tanto la sceneggiatura da convincere il regista Sean Ellis che avrebbe potuto interpretare con successo un personaggio britannico nonostante egli sia americano, lavorando molto per poter sfoggiare il giusto accento. Accanto a lui, nei ruoli di Seamus e Isabelle Laurent vi sono gli attori Alistair Petrie – visto in Sex Education – e Kelly Reilly – recentemente vista in Assassinio a Venezia.

La spiegazione del finale

Nel corso del film scopriamo che Seamus Laurent aveva dato la caccia ad un gruppo di zingari accampati sulla sua terra. Insieme a dei mercenari, l’uomo ha usato la violenza e non ha risparmiato neanche i bambini. Una donna del gruppo, prima di essere catturata, aveva però fatto realizzare delle zanne con un metallo argentato, praticando poi su di esse uno strano rituale. Quando poi sta per essere sepolta viva, la donna avverte Seamus che una terribile maledizione si sarebbe abbattuta sul suo paese. Ciò spiega perché i bambini del posto iniziano a sognare la zingara, uno spaventapasseri e le zanne d’argento.

Tra questi anche Edward, il figlio di Seamus, che decide di recarsi nel bosco dove è stata sepolta la zingara insieme alla sorella Charlotte e a Timmy, figlio di uno degli uomini che lavora per Laurent. Qui Timmy trova le zanne d’argento e ne viene posseduto, ferendo gravemente Edward. Seamus fa visitare il figlio da un dottore, in quanto non capisce chi possa averlo ferito, credendo si tratti di un animale. Quella notte, però, Charlotte nota che delle radici stanno uscendo dalla schiena del fratello. Prima di poter chiamare i genitori, Edward fugge dalla finestra e si reca nella foresta.

The Cursed cast

Successivamente, Timmy viene ritrovato brutalmente ucciso. Tutto ciò accade prima dell’arrivo di McBride, il quale capisce ben presto di avere a che fare con un lupo mannaro. Per tentare di fermarlo, fa sciogliere le zanne d’argento e fa realizzare dei proiettili, con cui va a caccia della bestia. Sfortunatamente, Edward in qualità di lupo mannaro riesce a ferire sua madre, mentre il padre viene a sua volta ferito da un’altra vittima di Edward. Riuscendo però a sparare al lupo mannaro, McBride sembra aver posto fine alla maledizione, permettendo al bambino di riacquisire una forma umana. L’investigatore adotta a quel punto Edward e Charlotte e la vicenda si conclude.

Nell’ultima scena, ambientata 35 anni dopo, si scopre però chi è il soldato che all’inizio del film viene colpito da un proiettile d’argento durante la battaglia della Somme nel 1917. Ebbene si tratta proprio di Edward. I medici si accorgono che quel proiettile non appartiene ai tedeschi. Infatti, Edward ha tenuto per tutti quegli anni il proiettile con l’argento maledetto dentro il suo corpo, portando con sé la maledizione. Mentre i medici credono che il ragazzo stia morendo a causa delle ferite riportate sul campo di battaglia, in realtà si intuisce che la sua morte deriva da quella maledizione, pagando il prezzo dei peccati commessi dai suoi antenati.

Il trailer di The Cursed e dove vedere il film in streaming e in TV

Come anticipato, è possibile fruire di The Cursed unicamente grazie alla sua presenza nel catologo di Netflix, dove attualmente è al 2° posto della Top 10 dei film più visti sulla piattaforma in Italia. Per vederlo, basterà dunque sottoscrivere un abbonamento generale alla piattaforma scegliendo tra le opzioni possibili. Si avrà così modo di guardare il titolo in totale comodità e al meglio della qualità video, avendo poi anche accesso a tutti gli altri prodotti presenti nel catalogo.

Gianmaria Cataldo
Gianmaria Cataldo
Laureato in Storia e Critica del Cinema alla Sapienza di Roma, è un giornalista pubblicista iscritto all'albo dal 2018. Da quello stesso anno è critico cinematografico per Cinefilos.it, frequentando i principali festival cinematografici nazionali e internazionali. Parallelamente al lavoro per il giornale, scrive saggi critici e approfondimenti sul cinema.

Articoli correlati

- Pubblicità -

ALTRE STORIE

- Pubblicità -