The Watchers, spiegazione del finale: Ishana Night Shyamalan lancia un colpo di scena terrificante

-

Chiariamo subito una cosa: The Watchers non è un film particolarmente brillante. Il debutto nel lungometraggio della regista Ishana Night Shyamalan, figlia di M. Night Shyamalan, con cui ha lavorato alla serie Servant e al film Old, è un adattamento dell’omonimo romanzo di A.M. Shine che sminuisce praticamente tutto ciò che rendeva la storia horror così sinistra.

Sebbene segua le stesse linee generali della narrazione, finisce per aggiungere un sacco di cose che limitano l’impatto dell’esperienza piuttosto che aumentarlo. Non si tratta del peggior adattamento mai realizzato, in quanto spesso è gradevole dal punto di vista visivo, ma è comunque immensamente deludente vedere sprecato un tale potenziale. Ci sono sicuramente film peggiori usciti quest’anno, ma nessuno è così deludente come questo.

Questo si avverte soprattutto nel finale, dove un colpo di scena stravolge tutto ciò che pensavamo di sapere fino a quel momento. Questo è un aspetto che sarà familiare ai lettori del libro, ma The Watchers (La nostra recensione) fa comunque molto da solo e, ancora una volta, è per lo più negativo.

Tuttavia, ciò offre l’opportunità di analizzare le differenze tra il modo in cui ciascuno di essi gestisce la conclusione e il modo in cui le loro differenze parlano dei successi del romanzo che qui vanno persi. Per questo motivo, non c’è modo di entrare nei dettagli senza rovinare tutto dall’inizio alla fine.

Se non avete ancora visto il film e volete entrare senza spoiler, è meglio che mettiate tra i preferiti questa pagina e torniate più tardi dopo averlo visto. Non vi interessa e volete solo sapere cosa succede? Conoscete il libro e siete curiosi di sapere come il film cerca di adattarlo? Bene, continuate pure.

In che modo The Watchers cambia il finale del libro?

La cosa più importante da notare in tutto questo è che, mentre tutti fanno a pezzi il finale di The Watchers, nel libro funzionava davvero. Questo segue inizialmente una traiettoria simile: dopo che Mina (Dakota Fanning), Ciara (Georgina Campbell) e Madeline (Olwen Fouéré) sono riuscite a fuggire dalla remota foresta irlandese in cui erano intrappolate dai guardiani del titolo che venivano ogni notte a osservarle, decidono insieme di distruggere le prove accumulate dal professore scomparso. Lo fanno per evitare che qualcun altro sia tentato di recarsi lì e di essere ucciso come è successo a Daniel (Oliver Finnegan) mentre loro li osservavano.

Tuttavia, mentre si trova nell’ufficio del professore per svolgere questo compito, Mina scopre che Madeline è stata in realtà una delle osservatrici per tutto il tempo. Oh, mio Dio, com’è possibile? Che colpo di scena! Nel libro, questo sembra essere sia un soddisfacente e sinistro epilogo di tutto ciò che era accaduto fino a quel momento, sia un modo per rendere tutto il resto più inquietante a posteriori.

The Watchers DAKOTA FANNING
Copyright: © 2024 Warner Bros. Entertainment Inc. All Rights Reserved.
Photo Credit: Courtesy Warner Bros. Pictures

Tutto il modo in cui Madeline si è comportata e le descrizioni del libro acquistano improvvisamente senso, facendo venire un brivido lungo la schiena quando si ripensa a come tutti gli altri sopravvissuti fossero quasi del tutto ignari del potenziale pericolo che si sarebbe addormentato la volta successiva. Nel film, l’impatto si perde perché, nonostante gli sforzi di Fouéré, al personaggio non viene dato molto da fare. Sebbene il libro alludesse a questa eventualità, The Watchers la fa sembrare come se venisse fuori dal nulla.

Sebbene il film preveda anche che Mina si precipiti a cercare Ciara per dirle la verità sulla situazione, da lì in poi tutto diverge ampiamente. Anche se potrebbe essere interessante vedere dove si andrà a parare quando si percorrerà la propria strada, il film si affida a un sacco di esposizioni che trascinano tutto. Persino un momento divertente in cui vediamo che Madeline si è effettivamente trasformata nel corpo di Ciara, viene messo in secondo piano da una scena di combattimento più caotica e da un confronto che culmina con la rivelazione da parte di Mina di altre informazioni scoperte nella ricerca del professore.

The Watchers film cast
Copyright: © 2024 Warner Bros. Entertainment Inc. All Rights Reserved.

Abbiamo visto una breve inquadratura di un articolo scritto da lui, intitolato “Il dilemma degli halfling”, che l’ha portata a capire che (apparentemente) Madeline potrebbe far parte di un insieme di esseri che sono anche parzialmente umani. Sebbene questo possa potenzialmente spiegare perché non fosse come descritta nel libro, sembra comunque molto meno interessante della realizzazione che un osservatore può ingannare completamente anche altre persone.

Questo era praticamente l’intero fondamento del libro e ciò che lo rendeva così spaventoso. Che qualcosa di non umano possa diventare il tuo doppio e ingannarti è un classico dell’horror per un motivo preciso. Nel film, invece, a Madeline crescono le ali e vola via. Tuttavia, questa non è la vera fine, perché c’è un’altra grande aggiunta che il film vuole fare.

The Watchers mette in scena idee di guarigione a metà strada

The Watchers GEORGINA CAMPBELL e DAKOTA FANNING
Copyright: © 2024 Warner Bros. Entertainment Inc. All Rights Reserved.

Nel corso del film, assistiamo a flashback di come Mina abbia avuto un incidente d’auto da bambina in cui morì la madre e rimase ferita la sorella gemella. Alla fine del film, Mina si ricongiunge con lei e le racconta tutto quello che è successo, mentre Madeline osserva dall’esterno sotto forma di bambino (questo porta a una bizzarra inquadratura finale in cui lei guarda direttamente la telecamera).

Si potrebbe generosamente dire che il modo in cui gli osservatori imitano le persone è un’eco del modo in cui Madeline stava scappando da se stessa e dal suo passato, con il quale ora ha fatto i conti. Il problema è che questo aspetto non è particolarmente approfondito e, sempre guardando al libro, l’impatto della storia originale era molto più potente. Non c’era questa superficiale esplorazione dei traumi del passato, ma si trattava invece di chiamare la sorella e capire che in realtà non le importava nulla di lei.

Il libro si conclude con il contatto con Madeline, che l’aveva risparmiata nella scena del confronto, molto più riservata e agghiacciante, a condizione che rimanesse in silenzio. Il fatto che torni per avvertirla che ci sono altri osservatori in giro è una nota molto più appropriata e inquietante per concludere. Questo è solo un finale troppo pulito, quando invece bisognerebbe leggere il libro per vedere la storia come si deve. Proprio come gli osservatori del film, si tratta solo di un rigido tentativo di replicare la realtà.

Redazione
Redazione
La redazione di Cinefilos.it è formata da un gruppo variegato di appassionati di cinema. Tra studenti, critici, giornalisti e aspiranti scrittori, il nostro gruppo cresce ogni giorno, per offrire ai lettori novità, curiosità e informazione sul mondo della settima arte.

Articoli correlati

- Pubblicità -
 

ALTRE STORIE

Resurrected spiegazione finale

Resurrected: la spiegazione del finale del film horror

Una tipologia di opere tanto recente quanto apprezzata è quella del screenlife film (o first person shot), in cui lo schermo cinematografico diventa lo...
- Pubblicità -