Una notte da leoni film

Indicato come uno dei film comici simbolo degli ultimi anni, Una notte da leoni ha significativamente contribuito a lanciare le carriere dei suoi protagonisti, oggi tra i più affermati interpreti dell’industria hollywoodiana. Brillantemente demenziale ed emotivamente coinvolgente, il film diretto da Todd Phillips conquistò fan in tutto il mondo, tanto da ottenere poi altri due sequel. Ecco 10 cose che non sulla saga Una notte da leoni.

 
 

Una notte da leoni sequel

Una notte da leoni: la trama del film

10. È incentrato sulle folli avventure di un trio di amici. Protagonisti del film sono Philip, Stuart e Alan. I tre, i quali si conoscono a malapena, organizzano un addio al celibato per il loro amico Doug, portandolo a vivere una notte folle a Las Vegas. Il mattino dopo, tuttavia, hanno un completo blackout su quanto accaduto, e cosa peggiore Doug è scomparso senza lasciare traccia. Per i tre inizia così una corsa contro il tempo per ritrovare l’amico e portarlo sano e salvo al proprio matrimonio.

9. È ispirato ad eventi realmente accaduti. Per quanto folli ed estremizzati, gli eventi del film hanno un fondo di verità. Una vicenda simile accadde al produttore Tripp Vinson, il quale in seguito al suo addio al celibato a Las Vegas si sveglio in un luogo completamente differente da quello in cui avrebbe dovuto essere, non riuscendo a ricordare nulla di quando accaduto.

Una notte da leoni: la colonna sonora del film

8. Il film è ricco di celebri canzoni. Ad accompagnare le spericolate avventure del trio di amici vi è una colonna sonora comprendente canzoni di svariati artisti famosi. Tra i brani divenuti più iconici per il loro accompagnamento alle immagini vi sono It’s Now Or Never, di El Vez, In the Air Tonight, di Phil Collins, Right Round, di Flo Rida, Can’t Tell Me Nothing, di Kanye West e Live Your Life, di Rihanna. Ecco tutte le canzoni del primo film:

  1. It’s Now Or Never – El Vez
  2. Thirteen – Danzig
  3. Take It Off – The Donnas
  4. Fever – The Cramps
  5. Wedding Bells – Gene Vincent & His Blue Caps
  6. In the Air Tonight – Phil Collins
  7. Stu’s Song – Ed Helms
  8. Rhythm And Booze – Treat Her Right
  9. Iko Iko – The Belle Stars
  10. Three Best Friends – Zach Galifianakis
  11. Ride The Sky II – Revolution Mother
  12. Candy Shop – Dan Finnerty & The Dan Band

Tracce aggiuntive:

  • Who Let the Dogs Out? – Baha Men
  • Right Round – Flo Rida featuring Kesha (è una cover di You Spin Me Round del gruppo musicale Dead or Alive)
  • Can’t Tell Me Nothing – Kanye West
  • Live Your Life – T.I. featuring Rihanna
  • Joker And The Thief – Wolfmother
  • What Do You Say – Mickey Avalon
  • Yeah! – Usher ft. Ludacris & Lil’ Jon

Una notte da leoni è in streaming

7. È presente su diverse piattaforme. Per chi desidera vedere o rivedere il film, è possibile farlo affidandosi ad alcune tra più ricche piattaforme streaming presenti sul Web. Tra queste si annoverano infatti Tim Vision, Rakuten TV e Amazon Prime. In base a quale di queste si sceglie, basterà sottoscrivere un abbonamento generale o noleggiare il singolo film per poterlo rivedere in tranquillità.

Una notte da leoni: i suoi sequel

6. Fa parte di una trilogia. A fronte di un budget di circa 35 milioni di dollari, il film ha globalmente incassato circa 467 milioni di dollari. Questo ha naturalmente spinto la produzione a realizzare due sequel al film, Una notte da leoni 2 (2011) e Una notte da leoni 3 (2013). Per quanto la trama cambi di film in film, tutto è costruito per ruotare ugualmente intorno alle avventure dell’acclamato trio di amici.

Una notte da leoni (2009)

Una notte da leoni, in originale The Hangover è il primo capitolo della saga diretta da Todd Phillips, con Bradley Cooper, Ed Helms, Zach Galifianakis, Justin Bartha e Heather Graham. La pellicola è stata scritta da Jon Lucas e Scott Moore, e con Todd Phillips e Daniel Goldberg come produttori esecutivi.

Vincitore di un Golden Globe come miglior film commedia o musicale, la pellicola racconta di Phil (Bradley Cooper), Stu (Ed Helms) e Alan (Zach Galifianakis) decidono di passare un fine settimana a Las Vegas per l’addio al celibato del loro amico Doug (Justin Bartha). I quattro decidono di trascorrere la notte al Caesars Palace, dove si rilassano nella loro suite d’albergo, prima di festeggiare con un drink sul tetto dell’hotel e brindare “alla notte che non dimenticheremo mai”. La mattina seguente, Phil, Stu e Alan si svegliano nella loro camera e scoprono che non ricordano assolutamente nulla della sera precedente. Inoltre Doug non è con loro: così iniziano a cercarlo, ma l’amico non si trova da nessuna parte. Nel frattempo, iniziano a notare diverse assurdità: a Stu manca un dente, che scoprono essere nella tasca di Alan, la loro suite è in uno stato di completo disordine, c’è una tigre nel loro bagno, un pollo nel soggiorno e un bambino nell’armadio. I tre decidono di ripercorrere i loro passi per ritrovare il futuro sposo, ma quando chiedono la loro macchina all’ingresso del Caesars Palace, il valletto consegna loro una macchina della polizia al posto della loro Mercedes.

Una notte da leoni 2 (2011)

Dopo che il primo capitolo ha incassato oltre 450 milioni di dollari  fronte di un budget di soli 35 milioni di dollari, la Warner Bros produce il sequel Una notte da leoni 2, in originale The Hangover Part II, che si rivelerà essere un successo come la pellicola precedente. Ritorna in cabina di regia Todd Phillips  e tutto il cast: Bradley Cooper, Ed Helms, Zach Galifianakis, Justin Bartha e Ken Jeong, con l’aggiunta dei nuovi volti  come quelli di John Goodman, Melissa McCarthy e Jamie Chung.

Il film riprende la sua storia due anni dopo dalla folle notte di Las Vegas, e Stu sta per sposarsi in Thailandia con la sua nuova ragazza, Lauren. Al matrimonio sono invitati anche Doug e Phil con le rispettive consorti, ma non Alan, poiché Stu teme che la sua presenza possa rovinare tutto. Tracy riesce a far intercedere il marito affinché Stu acconsenta all’invito per il fratello, che alla fine arriva, e Doug, Phil e Stu, entrando nella stanza di Alan, scoprono che le fotografie dell’episodio a Las Vegas sono appese in camera. Oltre a questo, scoprono che Alan è diventato amico di Leslie Chow. Il gruppo all’aeroporto incontra il sedicenne Teddy, fratello di Lauren. Dopo il volo si dirigono al resort sulla costa dove iniziano i preparativi per le nozze, e fanno la conoscenza del padre della sposa, il signor Srisai. La sera, dopo un brindisi, i quattro e Teddy si recano in spiaggia per gustarsi dei marshmallow. Il giorno seguente Phil, Alan e Stu si risvegliano in un motel di Bangkok completamente disorientati: Alan è rasato a zero, Stu ha un tatuaggio alla Mike Tyson in faccia, nella stanza c’è una scimmietta e di Teddy si ritrova solo il suo dito. Subito dopo ricevono una chiamata da Doug che si trova all’albergo che ospita le nozze, dato che si è allontanato dal gruppo a tarda sera. Né Phil né gli altri ricordano nulla della notte precedente.

Una notte da leoni 3 (2013)

Dopo che il secondo capitolo incassa quasi 600 milioni di dollari la Warner Bros commissiona un terzo e ultimo capitolo della saga che arriva al cinema nel 2013. Alla regia confermatissimo  Todd Phillips, mentre nel cast ritornano i protagonisti Bradley Cooper, Ed Helms, Zach Galifianakis, Justin Bartha e Heather Graham. Tornano anche John Goodman e Melissa McCarthy .

Il terzo capitolo ambientato due anni dopo gli eventi di Bangkok, Leslie Chow (Ken Jeong) fugge dalla prigione di massima sicurezza nella quale era recluso, sfruttando una rivolta creatasi all’interno dell’edificio. Nel frattempo, negli Stati Uniti, Alan (Zach Galifianakis), in una delle sue bravate, acquista una giraffa e, mentre la trasporta in autostrada, causa accidentalmente la sua decapitazione. In preda alla rabbia e alla frustrazione per l’ennesimo guaio causato dal figlio, il padre di Alan, Sid, muore per un attacco di cuore. Dopo il funerale, il cognato di Alan, Doug (Justin Bartha), rivela ai suoi amici, Phil (Bradley Cooper) e Stu (Ed Helms), che Alan non prende più da tempo le sue medicine e per questo è fuori controllo. La famiglia di Alan è decisa nel farlo ricoverare in un istituto psicoterapeutico, ma ha bisogno dell’aiuto di Phil e Stu per farlo, dal momento che l’unico modo per convincerlo è che il “branco” lo accompagni verso l’Arizona.

Una notte da leoni cast

Una notte da leoni: il cast del film

5. Bradley Cooper è uno dei protagonisti. Nel ruolo di Philip, il membro del gruppo che per la sua razionalità si erge a leader, vi è l’attore Bradley Cooper. Grazie a tale ruolo, l’attore cominciò ad ottenere sempre più riconoscimenti, cominciando ad interpretare sempre più ruoli di rilievi e dimostrando grandi capacità anche al di fuori della commedia.

4. Zach Galifianakis è diventato un icona grazie al film. Se fino a quel momento Zach Galifianakis aveva ricoperto ruoli di poco rilievo, con Una notte da leoni diventò una vera e propria celebrità, nonché uno dei comici più richiesti. Il suo personaggio Alan si è infatti affermato come il vero motore comico del film, nonché il protagonista delle gag e delle battute più divertenti.

3. Ed Helms ha dovuto perdere peso per il proprio ruolo. A chiudere il trio è l’attore Ed Helms, che nei panni di Stuart è il personaggio più isterico e restìo a gettarsi nelle spericolate avventure del film. Contrariamente a quanto si potrebbe pensare, per sostenere le attività richieste l’attore dovette sottoporsi ad una notevole preparazione fisica, arrivando a perdere circa tre chili.

2. I tre attori si conoscevano a malapena. Cooper, Galifianakis ed Helms hanno raccontato di essere poco meno che conoscenti prima delle riprese del film, e dal loro punto di vista ciò è stato un bene. Trascorrere tanto tempo insieme sul set li ha aiutati a stringere da zero un legame, arrivando a dar vita a quella chimica tra di loro che ha fatto la fortuna del film.

Una notte da leoni: le frasi migliori del film

1. È ricco di frasi divenute cult. Altro elemento chiave del film sono le frizzati battute pronunciate dai protagonisti, che arricchiscono il film di pura comicità. Molte di queste sono entrate nell’immaginario comune, divenendo estremamente iconiche. Ecco dunque alcune delle frasi più celebri.

È buffo perché è panzone! (Leslie Chow)

– “Io mi ritengo un tipo un po’ solitario… diciamo che tendo a definirmi un branco con un lupo solo” (Alan)

– “Perché, Regalavano anelli all’olocausto?” (Alan)

– Alan: Contare le carte non é illegale é malvisto come…. masturbarsi in aereo.
Stu: Mi sa che anche quello é illegale.
Alan: Si, dopo l’11 Settembre che sono tutti suscettibili, grazie tante Bin Laden. 

Fonte: IMDb