DCU Dc Universe
- Pubblicità -

Tre mesi dopo che James Gunn e Peter Safran hanno ufficialmente iniziato a gestire i nuovi DC Studios all’interno di Warner Bros. Discovery, i co-capi hanno annunciato oggi i primi 10 titoli cinematografici e televisivi all’interno del DC Universe riavviato. Lunedì, Gunn e Safran si sono incontrati con la stampa negli studios della Warner Bros. per presentare quella che hanno definito la prima parte del Capitolo 1 del DCU, che chiamano “Gods and Monsters”, letteralmente “Capitolo 1: Dei e mostri“. I progetti coprono una vasta gamma di personaggi.

 
 

Ci sono titoli basati su eroi DC, tra cui il film di Superman precedentemente annunciato scritto da James Gunn, ora ufficialmente intitolato “Superman: Legacy“, un film su Batman e Robin, una serie prequel di Wonder Woman e una serie misteriosa su Lanterna Verde, oltre a titoli con personaggi meno conosciuti, tra cui Booster Gold e Swamp Thing. Il DCU esiste come un multiverso, ha spiegato Peter Safran, ma i titoli esisteranno in un unico universo. Nel complesso, la lista rappresenta la visione più solida per il futuro della DC nell’intrattenimento dai tempi del primo tentativo di costruire un universo in grado di rivaleggiare con quello dei Marvel Studios.

DC Studios non ha precedenti“, ha detto Safran. “È un’entità di produzione e uno studio autonomi. È la prima volta in assoluto che tutto ciò che riguarda la DC – film, televisione, live-action, animazione, giochi – è tutto centralizzato sotto un’unica visione creativa, quella mia e di James“. (Gunn e Safran hanno anche risposto alle domande sulla filosofia incentrata sullo scrittore alla base del loro approccio e hanno fornito aggiornamenti sui progetti DC che non rientrano nel DCU principale , tra cui “The Batman Part II” di Matt Reeves e “Joker: Folie à Deux” di Todd Phillips”). Dato che il DCU è ancora nelle sue prime fasi, i dirigenti sono stati chiari su alcuni dettagli: nessun regista è stato assegnato a nessun progetto (anche se hanno detto che sono “molto vicini” alla firma di almeno un paio di nomi), stessa cosa per quanto riguarda gli attori. L’eccezione è Viola Davis, che reciterà nella serie HBO Max “Waller” nei panni dell’amorale e autoimposta sovrintendente dell’universo DC, Amanda Waller. Ha dato origine al ruolo in “Suicide Squad” del 2016. Allo stesso modo, Safran e Gunn hanno lasciato la porta aperta a Gal Gadot, Jason Momoa, Ezra Miller e Zachary Levi per continuare a interpretare i rispettivi supereroi DC di Wonder Woman, Aquaman, Flash e Shazam, ma James Gunn ha ribadito che Henry Cavill non continuerà come Superman. Altrimenti, hanno detto i dirigenti, sceglieranno nuovi attori per i ruoli.

Per costruire la storia generale per il DCU, James Gunn ha creato una stanza degli scrittori con Drew Goddard (“The Martian”), Jeremy Slater (“Moon Knight”), Christina Hobson (“The Flash”, “Batgirl”), Christal Henry ( “Watchmen”) e lo scrittore di fumetti Tom King (“Batman”, “Mister Miracle”). James Gunn ha indicato che almeno alcuni di questi scrittori continueranno a lavorare su progetti DCU, incluso Christal Henry, che è co-showrunner di “Waller“. “Ci siamo seduti in una stanza per alcuni giorni e abbiamo iniziato a definire quale potesse essere il piano generale di base“, ha detto James Gunn. “Non tanto da legarti i polsi, ma abbastanza da sapere qual è la storia di base, dove stiamo andando. Ed è qualcosa che continueremo a fare”.

Il piano, hanno detto Safran e Gunn, era di rilasciare circa due film e due serie TV all’anno nel DCU. Tale output, tuttavia, non sacrificherà la qualità per rispettare le scadenze. Gunn e Safran erano irremovibili sul fatto che i film e le serie non sarebbero entrati in produzione fino a quando le sceneggiature non saranno terminate, il che non è la norma per prodotti di questo genere che sono estremamente costosi ma che devono anche creare consapevolezza pianificando un fitto calendario. Tutto sommato, la lista che i co-capi hanno annunciato lunedì durerà fino al 2027 ma solo “Superman: Legacy” e “The Batman Part II” hanno annunciato la loro date di uscita. Ecco una ripartizione dei dettagli sui progetti.

FILM del DCU

Superman: Legacy

In uscita l’11 luglio 2025, “Superman: Legacy” segnerà “l’inizio del DCU”, come ha affermato Safran, ma non sarà una storia sulle origini del proverbiale Man of Steel.  “Si concentra su Superman che bilancia la sua eredità kryptoniana con la sua educazione umana”, ha detto Safran. “È l’incarnazione della verità, della giustizia e del modo americano. È gentilezza in un mondo che considera la gentilezza antiquata. Gunn sta scrivendo il progetto e Safran ha detto che spera che Gunn “possa essere convinto, forse, a dirigerlo anche lui”. (Gunn, seduto proprio accanto a Safran, rimase stranamente impassibile in risposta.)

Il CEO di Warner Bros. Discovery, David Zaslav, non ha nascosto che il riavvio di Superman era una priorità assoluta per l’azienda poiché ha trascorso gran parte del 2022 alla ricerca dei leader giusti per i DC Studios. Quindi non sorprende che Gunn e Safran si rivolgano al supereroe più riconoscibile al mondo per guidare la carica per il DCU. “‘Superman’ è per tutti”, ha detto Gunn. “Questo è un film a quattro quadranti che dovrebbe parlare a tutti nel mondo.” (Un film di Superman separato prodotto da JJ Abrams attraverso Bad Robot e scritto da Ta-Nehisi Coates, rimane in fase di sviluppo e esisterebbe al di fuori del DCU).

The Authority

Dalla fama globale alla relativa oscurità, “Superman: Legacy” condurrà direttamente a “The Authority“, un film corale sui superumani che hanno un approccio tutt’altro che idealistico per salvare il mondo. James Gunn ha parlato a lungo di “The Authority”, un progetto che ha detto di essere “davvero entusiasta” di dare vita. I personaggi provengono da Wildstorm, che è stato lanciato nel 1992 come entità indipendente sotto l’attuale capo della DC Comics Jim Lee e che alla fine ha lasciato un’impronta nella DC. I personaggi di Wildstorm sono stati successivamente inseriti nell’universo principale dei fumetti DC quando la società ha riavviato la sua continuità con l’iniziativa New 52 nel 2011. James Gunn ha detto che lui e Safran intendono fare lo stesso con i personaggi di Wildstorm nella DCU.

Come fumetto, “The Authority” è stato creato da Warren Ellis e Bryan Hitch come una squadra di supereroi che giustificano i mezzi, un approccio che ha attratto il desiderio di Gunn e Safran di diversificare la narrazione all’interno del DCU. “Non è solo una storia di eroi e cattivi, e non tutti i film e gli show televisivi riguarderanno i buoni contro i cattivi”, ha detto Gunn. “Ci sono persone molto discutibili, come l’Autorità, che fondamentalmente credono che non si possa sistemare il mondo in modo semplice, e prendono in mano la situazione.” Safran ha aggiunto: “Sono un po’ come Jack Nicholson in ‘A Few Good Men’. Sanno che li vuoi sul muro, o almeno lo credono.” Gunn ha detto che il film “è stato scritto“, ma ha rifiutato di dire chi fosse lo sceneggiatore.

The Brave and the Bold

Insieme all’introduzione della versione DCU di Batman – che esisterà separatamente dalla versione interpretata da Robert Pattinson nei film di “The Batman” – “The Brave and the Bold” introdurrà “la famiglia Bat“, ha detto James Gunn. Il primo tra loro è Robin, che sta tornando completamente ai film live-action per la prima volta dallo sfortunato film del 1997 “Batman e Robin”.

Questa versione di Robin sarà inpersonificata da Damian Wayne; Gunn lo ha descritto come “il nostro Robin preferito”, “un piccolo figlio di puttana”, un “assassino” e un “assassino”.  Damian è il figlio biologico di Bruce Wayne, di cui non conosceva l’esistenza n. “E’ una strana storia padre-figlio su loro due,” ha detto Gunn.

Il progetto è basato sulla serie dei fumetti di Batman scritti da Grant Morrison, che secondo James Gunn è stato “eccezionalmente influente” sul DCU. L’altro scrittore di fumetti che Gunn ha menzionato per nome era Tom King, che ha partecipato alla stanza degli sceneggiatori della DCU e conduce direttamente al prossimo progetto di lungometraggio.

Supergirl: Woman of Tomorrow

Basato sui fumetti di King con lo stesso titolo del 2021 e del 2022, “Woman of Tomorrow” presenta la cugina di Superman, Kara Zor-El, che, come ha spiegato James Gunn, “è un tipo molto diverso di Supergirl“.

“Vediamo la differenza tra Superman, che è stato mandato sulla Terra e cresciuto da genitori amorevoli sin da quando era un neonato, rispetto a Supergirl, che è stata allevata su una scheggia di roccia di Krypton, e ha visto tutti intorno a lei morire ed essere uccisa in terribili modi per i primi 14 anni della sua vita. James Gunn ha definito questa Supergirl “molto più hardcore” — sebbene la serie di King coinvolga anche Krypto, il supercane.

Swamp Thing

E’ l’esempio più calzante di cosa intendono dire Gunn e Safran con il diversificare nel loro DCU. “Swamp Thing” “indagherà sulle origini oscure di Swamp Thing”, ha detto Peter Safran in merito al film attraverso il prisma dell’orrore. Per spiegare ulteriormente, Gunn ha fatto riferimento alle reazioni iniziali avute quando è stato annunciato che Guardiani della Galassia avrebbero aderito al Marvel Cinematic Universe e alle domande iniziali su come Rocket Raccoon avrebbe funzionato accanto a Thor. “Quella qualità di mashup” finì per essere uno dei momenti salienti di “Avengers: Infinity War” e “Avengers: Endgame“, ha aggiunto James Gunn, continuando che stanno “wamp Thing” questo approccio con “Swamp Thing“. “Questo è un film molto più orribile, ma avremo comunque Swamp Thing che interagisce con gli altri personaggi”, ha aggiunto.

TELEVISION

Creature Commandos

Questa sarà una serie animata per HBO Max è il primissimo progetto approvato da Safran e Gunn, che ha scritto ogni episodio. Lo spettacolo è già in produzione. I personaggi di Creature Commando sono stati lanciati per la prima volta nel 1980. La premessa presenta il mostro di Frankenstein che si unisce a un lupo mannaro, un vampiro e una gorgone per combattere i nazisti nella seconda guerra mondiale. Non sembra che la versione di Gunn abbia lo stesso approccio: Weasel, uno dei personaggi del film di Gunn del 2021 “The Suicide Squad”, è uno dei Commandos, insieme al padre di Rick Flag, Rick Flag Sr.

L’animazione, ha detto Gunn, consente ai loro collaboratori creativi di “raccontare storie che sono gigantesche, ma senza spendere, ora, $ 50 milioni a episodio”. Fondamentalmente, Gunn ha detto che gli attori scelti per doppiare i personaggi dello show interpreteranno anche i ruoli in live action in seguito nel DCU.

“Waller”

Con Gunn concentrato su “Superman: Legacy” per il prossimo futuro, la seconda stagione di “Peacemaker” è stata sospesa. Invece, il “team ‘Peacemaker‘” apparirà al fianco di Viola Davis nell’annunciata serie tv Waller, che sarà come “continuazione” di quello spettacolo, ha detto Gunn – che (avviso spoiler per la prima stagione di “Peacemaker) si è concluso con la figlia di Waller, Leota Adebayo (Danielle Brooks), che è uscita con la Task Force X (alias Suicide Squad) e il ruolo di Waller che lo gestisce nel mondo.

Insieme a Christal Henry, che faceva parte della stanza degli sceneggiatori DCU, Waller sarà prodotto da Jeremy Carver, che ha creato l’amata serie DC “Doom Patrol“, che è stata recentemente cancellata da HBO Max.  “Lo stanno schiacciando”, ha detto Safran del lavoro di Henry e Carver su Waller. “È semplicemente il più grande spettacolo di sempre”, ha aggiunto Gunn. Sia “Creature Commandos” che Waller dovrebbero debuttare prima di “Superman: Legacy“; Safran li ha definiti “l’aperitivo” per la DCU.

Lanterns

Di tutte le serie TV annunciate da Safran e Gunn “Lanterns” è quella che ha suscitato maggiore entusiasmo nei due sembravano, che Safran ha descritto come “un enorme evento di qualità HBO” che è “molto simile a ‘True Detective‘”.

Lo spettacolo si concentrerà su due dei membri più noti del corpo delle Lanterne Verdi: Hal Jordan (il pilota collaudatore interpretato per la prima volta sullo schermo da Ryan Reynolds nel film del 2011 “Lanterna verde”) e John Stewart (un ex marine e uno dei membri della DC). primo supereroe nero), che indagano su un mistero che Safran ha detto “svolge un ruolo davvero importante portandoci nella storia principale che stiamo raccontando attraverso il nostri film e la televisione”.

“Quindi questo è uno spettacolo molto importante per noi”, ha continuato Safran. Questo progetto è separato da una serie di Green Lantern sviluppata da Greg Berlanti per HBO Max, che ora non andrà più avanti. “La visione di Greg era più un’opera spaziale”, ha detto Safran. “La nostra visione è molto più ‘True Detective’, storia investigativa basata sulla terra.”

Paradise Lost

Questa storia in stile “Game of Thrones”, ha detto Safran, è ambientata sull’isola di Themyscira prima della nascita di Diana (alias Wonder Woman). “Riguarda davvero l’intrigo politico dietro una società di tutte le donne”, ha detto Safran. Gunn ha aggiunto: “Come è successo? Qual è l’origine di un’isola di tutte le donne? Quali sono le belle verità e le brutte verità dietro tutto ciò? E come sono gli intrighi tra i diversi attori di potere in quella società?

Il titolo provocatorio ricorda la serie a fumetti “Paradise Island Lost” scritta da Phil Jimenez e George Pérez, che seguì una guerra civile su Themyscira; tuttavia, quella corsa ha coinvolto direttamente Wonder Woman.

Booster Gold

Infine, c’è “Booster Gold”, che consente al DCU di immergessi completamente in una vera e propria commedia. Anche se potrebbe non essere familiare ai fan occasionali della DC, il personaggio, noto anche come Mike Carter, è uno dei preferiti dai fan tra i lettori più devoti. Safran ha definito Booster “un perdente del futuro che utilizza la tecnologia del futuro di base per tornare al presente e fingere di essere un supereroe”. Nel 25° secolo, Mike è un’ex star del calcio in disgrazia che usa una macchina del tempo in mostra al Metropolis Space Museum. Gunn ha aggiunto: “Fondamentalmente, ‘Booster Gold’ è la sindrome dell’impostore come supereroe”.

- Pubblicità -