Avengers: Infinity War Black Panther

Una delle due scene post-credits di Black Panther, in questi giorni al cinema, mostra Bucky Barnes (Sebastian Stan) rimesso in sesto da Shuri (Letitia Wright) dopo il lavaggio del cervello subito dall’Hydra.

 

Alla fine di Captain America: Civil War, il personaggio era stato portato nel Wakanda allo scopo di curarlo, e così sembra aver fatto la sorella del re. Nella scena lo vediamo riposare e poi svegliarsi, accolto da Shuri che gli spiega che “c’è ancora molto da imparare”.

Di seguito vi mostriamo una foto dal backstage del film, condivisa da Sebastian Stan in persona, in cui vediamo Bucky che riposa.

View this post on Instagram

Dreams are never free. #wakandaforever

A post shared by Sebastian Stan (@imsebastianstan) on

Il personaggio tornerà in Avengers: infinity War e combatterà al fianco di Steve Rogers. Da quello che abbiamo visto dal trailer del film diretto dai Fratelli Russo, Bucky sarà in possesso di un nuovo braccio artificiale, probabilmente realizzato in vibranio da Shuri in persona.

Black Panther recensione

CORRELATI:

Black Panther, la trama del film

Di seguito la prima sinossi del film: Black Panther segue T’Challa che, dopo gli eventi di Captain America Civil War, torna a casa, nell’isolata e tcnologicamente ultra avanzata nazione africana, Wakanda, per prendere il suo posto in qualità di nuovo re. Tuttavia, un vecchio nemico ricompare sui radar e il doppio ruolo di T’Challa di sovrano e di Black Panther è messo alla prova, quando viene trascinato in un conflitto che mette l’intero fato di Wakanda e del mondo in pericolo.

Chadwick Boseman interpreta il protagonista, T’Challa, già visto in Captain America Civil War. Nei ruoli principali del film ci saranno, oltre a Boseman, Michael B. Jordan, Lupita Nyong’O, Danai Gurira, Martin Freeman, Daniel Kaluuya, Angela Basset, Forest Whitaker e Andy Serkis. Nei ruoli di comprimari compariranno invece Letitia Wright, Winston Duke, Florence Kasumba, Sterling K. Brown e John Kani.

Black Panther trailer ufficiale