Star Wars: 10 cose che George Lucas ha reso canone, dopo la Trilogia

816

Nel 1997, in occasione del ventennale di Star Wars, la Lucasfilm rimasterizzò e ridistribuì al cinema la trilogia originale, e oltre alla pulizia dei negativi e della traccia audio, George Lucas aggiunse e modificò delle scene che lo avevano insoddisfatto all’epoca dell’uscita dei film. Molti di quei cambiamenti sono poi diventati parte integrante del canone della saga.

Ecco di seguito 10 cose che Lucas ha reso canone, dopo la Trilogia:

10L’urlo di Luke

Il culmine de Il Ritorno dello Jedi è rappresentato dallo scontro tra Darth Vader e  l’Imperatore Palpatine, che aveva torturato Luke e quindi spinto suo padre ad affrontarlo, spingendolo poi giù nel vuoto e uccidendolo.

Nella versione cinematografica e nei primi VHS del film, Vader agisce nel completo silenzio mentre nella versione Blu-ray del 2011 fu aggiunta la parola “No” e in seguito un grido “Nooo” creando un parallelismo con il suo urlo alla fine de La vendetta dei Sith.

Per alcuni si trattò di un inserimento necessario, per altri del tutto fuori luogo, rendendo ciò che una volta era stato fonte di emozione qualcosa di ridicolo.

Indietro