X-Men ’97: ecco cosa fa meglio rispetto ai film live action del MCU

Il MCU dovrebbe imparare una precisa lezione dalla serie animata per i suoi futuri progetti live-action.

X-Men '97

Il MCU ha avuto la sua parte di sorprese, colpi di scena, morti e team-up degni di essere ammirati, ma ultimamente ha mancato nell’offrire qualcosa di più memorabile da un punto di vista dell’attrazione fisica. Mentre coppie iconiche come Steve Rogers (Chris Evans) e Peggy Carter (Hayley Atwell) e Tony Stark (Robert Downey Jr.) e Pepper Potts (Gwyneth Paltrow) sono uscite da questo universo cinematografico, siamo ancora lontani anni luce dall’assistere a una vera tensione sessuale tra questi personaggi. Dovendosi rivolgere alle famiglie e dovendo cercare di trarre il massimo dal box office, la conseguenza è che non c’è molto spazio per elementi più piccanti. Ecco però che il recente X-Men ’97, revival animato di X-Men: The Animated Series, offre qualcosa in più da questo punto di vista.

Violenza, morti scioccanti e, soprattutto, tensioni sessuali in abbondanza! Pur essendo un originale Disney+, la serie sa che il suo pubblico di riferimento sono gli ex bambini cresciuti con la serie originale e che ora sono trentenni. I drammi relazionali che erano stati omessi dalla serie degli anni ’90 possono dunque essere ora sfruttati, ma in un modo organico che sembra rilevante per la storia che viene raccontata. Essendo X-Men ’97 la prima incursione dei Marvel Studios nel mondo dei mutanti, mettere in evidenza il suo approccio alle relazioni sentimentali e l’uso della tensione sessuale è importante per l’evoluzione dell’universo.

3Il MCU è stato romantico, ma con una tensione sessuale quasi nulla

MCU

Tony Stark e Pepper Potts sono la coppia simbolo della Fase 1 del MCU. Robert Downey Jr. ha persino chiesto che Gwyneth Paltrow riprendesse il suo ruolo nel film conclusivo della fase, The Avengers. Ma mentre Tony Stark viene rappresentato come un sex symbol con tutte le sue avventure nei primi film, viene trattato in un modo che non gli permette di avere lo stesso rapporto con Pepper. La loro relazione si basa esclusivamente sulle loro menti intelligenti e sulle loro personalità competitive e, in questo modo, si completano a vicenda. Ma questo smorza la sessualità di Tony, che pure è una parte essenziale del suo personaggio. Iron Man 2 continua a sfruttare questo lato con l’introduzione della Natasha Romanoff di Scarlett Johansson. Anche se non si costruisce molto con loro, Natasha ha poi una storia d’amore più debole con il Bruce Banner di Mark Ruffalo in Avengers: Age of Ultron.

Le scene a sfondo sessuale, come quella in cui Nat e Steve si baciano, non sono di natura romantica e ogni possibilità di relazione è stata rapidamente accantonata a favore del desiderio di Steve per Peggy. La relazione tra Peggy e Steve è la spina dorsale dell’arco narrativo di Captain America nel MCU, con la sua decisione di rimanere nel passato dopo aver restituito tutte le Pietre dell’Infinito al loro posto nel finale di Avengers: Endgame. Questo dà loro un romantico lieto fine – oltre al tanto atteso ultimo ballo – ma non c’è pepe. Anche quando uscì Eternals, con una vera scena di sesso tra Ikaris (Richard Madden) e Sersi (Gemma Chan), la reazione dei fan fu a dir poco blanda. Tra Richard Madden e Gemma Chan mancava l’affiatamento e quella che avrebbe dovuto essere una scena hot è risultata, in definitiva, un po’ insipida. In definitiva, il MCU ha generalmente trattato il romanticismo come qualcosa di separato dal sesso.

Indietro