What If...? recensione

Continua l’avventura del Marvel Cinematic Universe su piccolo schermo e questa volta l’appuntamento è per mercoledì 11 agosto, quando verrà diffuso su Disney+ il primo episodio di What If…?, nuova serie antologica dell’universo narrativo progettato da Kevin Feige e soci, che risponde alla domanda che trovate nel titolo: che cosa sarebbe accaduto se…?

Una sola domanda all’inizio di ogni episodio: What If…?

Ogni episodio di What If…? risponde ad uno scenario ipotetico, un universo alternativo, un mondo parallelo in cui le cose sono andate diversamente rispetto a ciò che abbiamo visto fino ad ora sul grande schermo nel Marvel Cinematic Universe. Di fronte a questa premessa possiamo sono fregarci le mani e farci travolgere dalle possibilità.

Il primo episodio di What If…? ci porta indietro nel tempo, a quel giorno, nel pieno della Seconda Guerra Mondiale, in cui la gracile ma volenterosa recluta di Brooklyn si offre come cavia per l’Operazione Rinascita del brillante biochimico Abraham Erskine. Sappiamo tutti com’è andata… Ma cosa sarebbe accaduto se al posto di Steve, un’altra persona con un cuore buono e coraggio da vendere avesse preso il suo posto? Margaret “Peggy” Carter è la protagonista di questo primo “come se”, che mette in scena quello che sarebbe accaduto se invece di un aitante Captain America, avessi avuto una indistruttibile Captain Carter.

L’Osservatore come narratore onnisciente

Ogni puntata di What If…? racconta dunque uno scenario alternativo rispetto a quello che abbiamo visto al cinema nel corso degli ultimi dodici anni, e ogni puntata è introdotta dalla Voice over dell’Osservatore (doppiato in originale da Jeffrey Wright), che spiega in che modo basti una sola scelta differente e l’universo cambia il suo corso, mentre lui si limita, appunto, ad osservare e sorvegliare gli eventi di quello stesso universo (alternativo).

Trattandosi di episodi auto-conclusivi che difficilmente, salvo qualche eccezione, avranno una ripercussione nel MCU, What If…? sembra espletare principalmente la funzione di allenare gli spettatori alle possibilità che offre il multiverso. È come se i leader dei Marvel Studios volessero dire agli spettatori che tutto ciò che hanno visto fino a questo momento non è scolpito nella pietra e che ci sono milioni di altre possibilità e combinazioni possibili per cui le vicende degli eroi che hanno imparato ad amare potrebbero essere andate diversamente in altri piani della realtà. Naturalmente tutta questa premura non è necessaria nei confronti dei lettori che invece sanno ben orientarsi nei multiversi costruiti per anni nelle storie a fumetti!

I mondi alternativi: educazione al multiverso

Il principale pregio di What If…? è la sua narrazione molto veloce: raccontando vicende nuove di personaggi che già conosciamo, la serie ha un ritmo rapido così come la sua successione di eventi e non impiega tempo a presentare o tratteggiare in maniera particolare il tale personaggio piuttosto che un altro. Questo permette di ottimizzare i circa 40 minuti di ogni episodio, così da garantire azione e divertimento agli spettatori che comunque vengono sottoposti a micro shock di fronte al sovvertimento o al cambiamento di alcune dinamiche alle quali ormai sono affezionati. Ad esempio, la premessa del secondo episodio è: cosa sarebbe successo se, arrivati sulla Terra negli anni ’80, i Ravages avessero rapito il giovane principe T’Challa invece di Peter Quill?

Cel-shading, rotoscopio e animazione mista

L’elemento che ha maggiormente destato l’attenzione e la curiosità in merito a What If…? è stato senza dubbio la scelta di realizzare la serie in animazione. Le motivazioni sono molte e tutte valide, dall’ammortizzare i costi per il coinvolgimento di così tanti attori (solo il primo episodio prevede la presenza di Chris Evans, Stanley Tucci, Hayley Atwell, Sebastian Stan, Hugo Weaving, Dominic Cooper e Tommy Lee Jones), alla libertà espressiva che consente l’animazione, passando anche per la sperimentazione di nuovi linguaggi che si sposano bene con il genere action-supereroistico che qui si tratta. La prima parte delle animazioni della serie è stata affidata alla società d’animazione canadese, la Squeeze, con Stephan Franck a capo dell’animazione. Qui il lavoro è stato portato avanti sotto l’attenta direzione di Ryan Meinerding, responsabile dello sviluppo visivo dei Marvel Studios, che ha contribuito a definire lo stile di animazione in cel-shading. Questo vuol dire che, pur trattandosi di animazione computerizzata in 3D, l’effetto è quello dell’animazione classica in 2D, con commistioni di otoscopio e motion Capture. L’effetto è da una parte rassicurante e tradizionale, dall’altra spettacolare, mentre gli attori in carne e ossa sono comunque intervenuti a doppiare la loro controparte animata per dare continuità al progetto.

What If…? è un giocattolo divertente

What If…? è un gioco di narrazione davvero divertente, che metterà alla prova le certezze dello spettatore e che gli insegnerà a pensare in termini di multiverso, un elemento che sarà sicuramente fondamentale per il futuro dell’Universo Condiviso della Marvel. Un esperimento narrativo che forse non convincerà tutti ma che sottolinea quanto possa essere divertente giocare a fare Dio e a costruire storie e mondi senza per questo rinunciare a “quello che sarebbe potuto succedere se…”.