The Conjuring: tutto quello che c’è da sapere sui film della saga

-

Distribuito nel 2013, The Conjuring è uno dei film che ha contribuito alla rivoluzione del genere horror nel cinema contemporaneo. Diretto da James Wan, questo ha infatti dato origine ad uno vero e proprio “Conjuring Universe“, composto da diversi film che ampliano ed esplorano la mitologia raccontata nella prima pellicola. I film appartenenti a questa saga sono in particolare noti in quanto basati sui reali eventi paranormali riportati dai coniugi Ed e Lorrelain Warren, celebri esperti di demonologia. La coppia ha infatti negli anni raccolto numerose registrazioni e testimonianze scritte circa i loro incontri con persone tormentate da eventi demoniaci.

Queste sono poi state riadattate per il Conjuring Universe, che pur romanzando e arricchendo secondo i canoni cinematografici quanto raccontato dagli Warren, hanno sempre cercato di mantenere alla loro base quella natura di “opera ispirata ad eventi reali”. Un etichetta che, quando si parla di horror, contribuisce a generare ulteriore inquietudine negli spettatori. Tra i più celebri casi a cui i due si sono dedicati, ad esempio, vi è la casa infestata di Amityville, il Poltergeist di Enfield, la bambola demoniaca Annabelle, la casa infestata della famiglia Perron, e il bambino di nome Cody in grado di parlare con un demone chiamato “l’Uomo”.

Molti di questi casi, estremamente affascinanti nella loro complessità e nel loro rappresentare ancora oggi delle accese sfide alla razionalità, sono poi stati ampiamente trattati nel dettaglio nei molti libri scritti dai due coniugi. Racconti ora arrivati con grande successo al cinema e che hanno permesso a The Conjuring di affermarsi come la saga horror più importante di questi anni. Con una chiara ispirazione agli horror degli anni ’70, la saga vanta infatti ad oggi non solo una grande influenza culturale, ma anche un enorme successo di pubblico in tutto il mondo. Merito di racconti tanto interconnessi tra loro quanto spaventosi.

The Conjuring: l’ordine cronologico in cui guardare i film della saga

Dal 2013 ad oggi sono stati realizzati nove film appartenenti alla saga di The Conjuring. Questi affrontano un arco temporale estremamente ampio, nel quale si esplorano le origini di alcuni personaggi come anche i casi paranormali che portarono anni dopo alla ricerca dei due coniugi Warren. Per comprendere meglio il potenziale della saga, nonché i suoi maggiori segreti, può essere particolarmente utile guardare i suoi film non secondo l’ordine in cui sono stati distribuiti in sala ma in ordine cronologico. Per farlo, ecco come procedere nella visione:

  1. The Nun – La vocazione del male (2018), ambientato nel 1952
  2. Annabelle: Creation (2017), ambientato tra il 1955 e il 1967
  3. The Nun 2 (2023), ambientato nel 1956
  4. Annabelle (2014), ambientato nel 1967
  5. L’evocazione – The Conjuring (2013), ambientato nel 1971
  6. Annabelle 3 (2019), ambientato tra il 1969 e il 1972
  7. La Llorona – Le lacrime del male (2019), ambientato nel 1973
  8. The Conjuring – Il caso Enfield (2016), ambientato nel 1976
  9. The Conjuring – Per ordine del diavolo (2021), ambientato nel 1981

The Conjuring 4

 

The Conjuring: quello che c’è da sapere sui film della saga

L’evocazione – The Conjuring

Protagonisti del primo film della saga sono gli attori Patrick Wilson e Vera Farmiga. I due interpretano i coniugi Warren, chiamati ad indagare sugli strani avvenimenti in corso nella casa della famiglia Perron. Qui, i due esperti scoprono la presenza della vecchia proprietaria, uccisasi perché accusata di stregoneria. Affinché il film potesse essere il più fedele possibile alle reali vicende raccontate dagli Warren, venne chiamata la vera famiglia Perron, la quale contribuì nella ricostruzione della casa in ogni suo più piccolo dettaglio.

Inoltre, i due attori protagonisti hanno avuto modo di incontrare Lorraine Warren, apprendendo da lei molti dei suoi segreti, nonché quante più informazioni precise su quello specifico caso. Il successo di questo film è stato immenso: basti pensare che è costato 20 milioni di dollari e ne ha incassati più di trecento. Ciò ha permesso ai produttori di rendere concreta l’idea di realizzare un vera e propria saga, anzi, quasi più una specie di universo condiviso.

Annabelle

Il secondo film della saga Annabellesi sviluppa a partire dalla bambola maledetta vista nel precedente lungometraggio. Questo è dunque il primo degli spin-off realizzati a partire dall’originale, e ha per protagonista l’attrice Annabelle Wallis nei panni di Mia, donna incinta che riceve in regalo dal marito una bambola che desiderava da tempo. Con l’ingresso in scena di questa, però, iniziano a verificarsi una serie di macabri delitti, che porteranno Mia ad indagare e scoprire che la bambola è legata ad un antico demone.

Per sbarazzarsene, avrà bisogno dell’aiuto di un misterioso uomo di fede. Anche questa pellicola è basata su fatti che si dice siano realmente accaduti. La bambola Annabelle esiste realmente e seppur possieda sembianze molto diverse e meno inquietanti rispetto a quella del film, si dice che sia realmente posseduta da un demone che la rende animata. Anche se accolto negativamente dalla critica, Annabelle si è rivelato essere un nuovo grande successo. Costato appena 6,5 milioni di dollari, il film è riuscito ad incassarne circa 257 in tutto il mondo.

The Conjuring: Il caso Enfield

The Conjuring – Il caso Enfield è il sequel diretto di The Conjuring. Di questo secondo film, il regista James Wan è stato anche co-produttore e co-sceneggiatore, ambientandolo nella metà degli anni ’70, dove Ed e Lorraine sono stati chiamati dalla Chiesa cattolica per indagare ed eventualmente confermare se la casa della famiglia Lutz sia infestata davvero da degli spiriti. La figura demoniaca in questo caso è il demone Valak, le cui sembianze sono quelle di una suora. Anche in questo caso si parla di un’entità che si ritiene realmente esistente, sebbene con origini diverse a quelle raccontate nel film.

Il cast di questo film rimane prevalentemente lo stesso del primo, a partire da Vera Farmiga e Patrick Wilson, i quali avevano firmato, contestualmente al primo film, un contratto che prevedeva di partecipare anche per un possibile prosieguo. Con un budget raddoppiato rispetto al primo capitolo, quindi di 40 milioni di dollari circa, questa seconda pellicola ne ha guadagnati più di 300 in tutto il mondo. Tale successo secondo alcuni sarebbe anche merito delle benedizioni di un prete fatte sul set prima delle riprese, con le quali si intendevano allontanare eventuali spiriti maligni.

Annabelle: Creation

Con il sequel di Annabelle, si porta invece lo spettatore a scoprire le origini della demoniaca bambola. Annabelle: Creation è tuttavia il primo film della saga a non essere basato su eventi realmente accaduti, ma sviluppandosi invece a partire da un’idea originale. Al centro della vicenda vi sono sei orfane accolte da una coppia nella loro casa. Tra queste vi è Esther, che a causa dell’impossibilità di camminare non esce più dalla sua stanza. Nel momento in cui strani avvenimenti iniziano ad accadere, i sospetti ricadono su una vecchia bambola presente nella casa.

Il film è diretto da David F. Sandberg, divenuto celebre per aver diretto il cortometraggio horror, di cui è poi stato realizzato anche il lungometraggio, anch’esso intitolato Lights Out, e a sua volta diretto da Sandberg. Dato il talento di questo regista nel raccontare storie di spiriti maligni, egli venne ritenuto la scelta migliore per tale film, e la sua regia innovativa ha contribuito al successo del film, il quale ha complessivamente guadagnato 306,5 milioni di dollari.

The Nun – La vocazione del male

Con The Nun – La vocazione del male, si va invece ad esplorare quello che, dopo il secondo The Conjuring, si è affermato come uno dei personaggi più intriganti e spaventosi dell’intera saga: il demone Valak. Con le sembianze di una suora, questo è infatti oggi uno dei maggiori punti di riferimento della saga, con un suo sequel ora in via di distribuzione. Diretto da Corin Hardy, il film è ambientato in Romania nel 1952, e narra di una giovane suora di clausura che si toglie la vita e di un prete (Demián Bichir) e una novizia che vengono inviati dal Vaticano per fare luce sull’evento.

I due scopriranno così il segreto dell’ordine, mettendo le loro vite e le loro anime in pericolo, trovandosi ad affrontare una forza malvagia che ha le stesse sembianze della suora demoniaca già conosciuta. In questo incontro/scontro tra vivi e dannati, la suora ne esce protagonista indiscussa, confermando il fatto di essere il vero simbolo della saga. Valak è interpretata da Bonnie Aaron che ha conosciuto il successo internazionale proprio grazie a questo ruolo horror, nonostante abbia recitato in film come Appuntamento con l’amore (2010), The Fighter (2010), Il lato positivo (2012) e Accidental Love (2015).

La Llorona – Le lacrime del male

Collegato alla saga, ma incentrato su una nuova figura demoniaca, La Llorona – Le lacrime del male porta sul grande schermo l’omonimo personaggio della cultura latina: una donna solitaria e spettrale che vaga alla ricerca del figlio smarrito, portando morte e violenza sul proprio cammino. La storia sembrava inizialmente essere scollegata dal franchise di The Conjuring, ma alcuni indizi come l’ambientazione e l’estetica hanno poi fatto ipotizzare ad un futuro inserimento nell’universo narrativo degli altri film.

In particolare, la conferma del legame della pellicola alla saga è data dalla presenza dell’attore Tony Amendola, che riprende qui i panni di Padre Perez, già interpretato in Annabelle. Anche in questo caso il film si è affermato come un grande successo, seppur minore rispetto a quello degli altri film. A fronte di un budget di 9 milioni, La Llorona – Le lacrime del male ne ha infatti incassi circa 120 in tutto il mondo. Ad oggi, però, questo rimane l’unico film maggiormente estraneo agli altri.

Annabelle 3

La storia della bambola Annabelle si è poi conclusa (ad ora) con Annabelle 3, che riprende la narrazione da lì dove il primo film a lei dedicato l’aveva lasciata. Protagonisti sono nuovamente i coniugi Warren, i quali si troveranno qui a dover affrontare una volta di più la bambola Annabelle e i demoni a lei legati. Il film si colloca immediatamente dopo la fine del primo Annabelle, ed è ambientato prevalentemente all’interno della casa degli Warren. Ciò ha permesso di mostrare molti dei loro oggetti più curiosi e inquietanti, approfondendo la loro storia.

La vera Annabelle, infatti, si trova realmente ancora oggi nella casa degli Warren, ora adibita a museo. È contenuta in una teca di vetro uguale a quella che si vede nel film e ai visitatori viene ricordato di non aprire mai tale contenitore, per evitare che gli eventuali demoni che possiedono la bambola si risveglino. Annabelle 3 è stato poi dedicato alla memoria di Lorraine Warren, la qualche era venuta a mancare soltanto alcuni mesi prima dell’uscita del film in sala. Anche in questo caso il riscontro di pubblico è stato particolarmente entusiasmante, con un incasso complessivo di circa 225 milioni di dollari.

The Conjuring – Per ordine del Diavolo

Nel terzo capitolo della principale trilogia della saga, The Conjuring – Per ordine del diavolo, i coniugi Warren si devono confrontare con un caso particolarmente celebre. Si tratta del processo ad Arne Cheyenne Johnson, conosciuto per essere stato il primo individuo nella storia degli Stati Uniti a invocare la possessione demoniaca come movente. I due demonologi sono dunque chiamati ad indagare sulla veridicità delle sue affermazioni, finendo ovviamente con il doversi confrontare con realtà che vanno ben al di là della loro immaginazione.

Diretto da Michael Chaves (già regista di La Llorona – Le lacrime del male), questo nuovo film (attualmente l’ultimo uscito della saga) si è affermato come uno dei più spaventosi in assoluto. Complice di ciò il fatto di essere profondamente basato su eventi e testimonianze reali, anche più di quelle su cui si fondano i precedenti film. Anzi, proprio il suo rifarsi ad un caso tanto noto ha contribuito al suo successo, con un totale di 201 milioni raccolti in tutto il mondo nonostante si tratti di un titolo uscito nel pieno della pandemia da Covid-19

The Nun 2

Il prossimo film in uscita della saga è The Nun 2, atteso al cinema per l’8 settembre 2023. Parallelamente all’uscita di The Nun, James Wan aveva parlato della possibilità di un sequel e di quale potrebbe essere la sua trama: “So dove potrebbe portare The Nun 2 e come si può legare alla storia di Lorraine che abbiamo raccontato nei primi due Conjurins. Faremo in modo che tutto si ricolleghi“. Ritardato per via della pandemia da Covid-19, questo sembra dunque ora pronto per riportare il demone Valak sul grande schermo, generando nuovi spaventi nel grande pubblico.

La breve sinossi ufficiale ad oggi recita: ambientato quattro anni dopo la fine del primo film, il film segue la sorella Irene mentre si trova ancora una volta faccia a faccia con la forza demoniaca Valak. Ad interpretare Irene vi sarà ancora una volta Taissa Farmiga, mentre Bonnie Arons riprende il ruolo di Valak. L’attrice Storm Reid, vista in Euphoria e The Last of Us avrà un ruolo nel film, anche se non è stato ancora chiarito quale. Non resta ora che attendere l’uscita del trailer del film, per capire in quali territori narrativi questo porterà e cosa c’è da aspettarsi una volta in sala.

The Conjuring: i prossimi film della saga

Potendo considerare The Nun 2 già confermato e parte del Conjuring Universe, quali sono i progetti futuri per la saga? Nell’ottobre 2022 è stato rivelato che un sequel di The Conjuring – Per ordine del diavolo era ufficialmente in fase di sviluppo. David Leslie Johnson-McGoldrick è stato incaricato di scrivere la sceneggiatura, mentre James Wan e Peter Safran torneranno come produttori. Wan ha successivamente confermato che Wilson e Farmiga avrebbero ripreso i rispettivi ruoli e nell’aprile 2023, durante il CinemaCon, è stato rivelato il titolo del film: The Conjuring: Last Rites, che lascia dunque presumere che questo sarà l’ultimo capitolo della ormai tetralogia principale della saga.

Oltre a questo film, tuttavia, già nel maggio 2021 Peter Safran ha affermato che c’erano sviluppi in corso per una serie televisiva ambientata all’interno del Conjuring Universe. Il produttore ha dichiarato che, sebbene non ci sia l’intenzione di togliere importanza ai lungometraggi per il cinema, ci sono “alcune storie più lunghe che verranno raccontate meglio in otto episodi o otto ore invece che in un film di due ore“. Nell’aprile 2023, infine una serie televisiva ancora senza titolo è stata ufficialmente annunciata come in fase di sviluppo. Lo show si svolgerà cronologicamente dopo gli eventi dei film, con James Wan e Peter Safran come produttori esecutivi.

Sempre per il 2021 è invece stato annunciato un nuovo film su uno dei personaggi già visti nella saga. Si tratta di The Crooked Man, che in Italia è noto come L’Uomo Storto. Ispirato ad una filastrocca popolare per bambini, questo inquietante personaggio è già apparso brevemente in The Conjuring 2 – Il caso Enfield. Nel novembre 2022, dopo alcuni rinvii del progetto, Wan ha tuttavia annunciato che, al di fuori del suo controllo, The Crooked Man non stava andando avanti in quel momento, esprimendo però la speranza per un potenziale sviluppo futuro. Ad ora, dunque, si attendono in modo ufficiale l’arrivo solamente di The Nun 2, The Conjuring: Last Rites e della serie ancora senza titolo.

Gianmaria Cataldo
Gianmaria Cataldo
Laureato in Storia e Critica del Cinema alla Sapienza di Roma, è un giornalista pubblicista iscritto all'albo dal 2018. Da quello stesso anno è critico cinematografico per Cinefilos.it, frequentando i principali festival cinematografici nazionali e internazionali. Parallelamente al lavoro per il giornale, scrive saggi critici e approfondimenti sul cinema.

Articoli correlati

- Pubblicità -

ALTRE STORIE

- Pubblicità -