shang-chi

È stato chiaro fin dall’inizio che i Marvel Studios avrebbero apportato alcune modifiche al Mandarino in occasione del suo debutto in Shang-Chi e La Leggenda dei Dieci Anelli (da qui il motivo per cui ora è Wenwu). Tuttavia, una delle principali differenze è che in realtà, nel film, gli anelli sono stati trasformati in bracciali.

Ora, in una recente intervista, il produttore del film Jonathan Schwartz ha finalmente spiegato il perché di questo cambiamento sostanziale. Ammettendo che la somiglianza con il Guanto dell’Infinito di Thanos è stata una delle ragioni principali, ha aggiunto: “Ci siamo sentiti come se gli anelli sulle dita sarebbero apparsi un po’ sciocchi nella pratica. Volevamo però essere fedeli agli elementi del genere. Come potevamo far funzionare la cosa?”

“Un giorno, nella writer’s room, io, il regista Destin Daniel Cretton e lo sceneggiatore David Callaham stavamo guardando un film chiamato 36ª camera dello Shaolin, che inizia con un montaggio che ritrae un allenamento di kung fu. Vengono usate molte armi, una delle quali aveva questi anelli di ferro, che sono un’arma tradizionale del Kung Fu”, ha aggiunto Schwartz. “Sono presenti anche nel film Kung Fusion, dove assumono un ruolo molto importante. Destin ha guardato quegli anelli e ha detto: ‘Dovremmo farlo anche noi, soltanto per gli anelli’. Aveva ragione al 100%. Mi è sembrata la cosa giusta per mettere davvero a fuoco il film.”

L’uscita nelle sale di Shang-Chi e La Leggenda dei Dieci Anelli è fissata al 3 settembre 2021. Destin Daniel Cretton, acclamato regista di Short Term 12The Glass Castle e Il Diritto di Opporsi con Michael B. JordanJamie Foxx e Brie Larson, è stato scelto per dirigere il film, che vanta la sceneggiatura di Dave Callaham (The Expendables, Godzilla, Wonder Woman 1984).

Vi ricordiamo che nei panni del protagonista ci sarà l’attore canadese Simu Liu, visto di recente nella commedia di Netflix Kim’s Convenience. Insieme a lui, nel cast, figureranno anche Tony Leung nei panni del Mandarino, e Awkwafina, che dovrebbe interpretare un “leale soldato” del Mandarino, e se è vero che il villain qui sarà il padre di Shang-Chi, in tal caso ci sono ottime possibilità che si tratti di Fah Lo Suee. Chi ha letto i fumetti saprà che è la sorella dell’eroe del titolo e che il suo superpotere è l’ipnosi.