Thor 5: il villain potrebbe far apparire debole Thanos!

-

ATTENZIONE – L’ARTICOLO CONTIENE SPOILER SU THOR: LOVE AND THUNDER

Thor: Love and Thunder potrebbe aver creato il prossimo cattivo contro cui il Dio del Tuono si scontrerà in Thor 5, e potrebbe essere una minaccia ancora più grande di Thanos. La missione di Thor, in Love and Thunder, lo porta in cerca di rinforzi a Omnipotence City, dove contro le sue aspettative entra in conflitto con il dio greco Zeus (Russell Crowe).

Come parte del tono altamente comico di Love and Thunder (anche per gli standard MCU), la sequenza di Omnipotence City è stata pensata come una sequenza comica, anche quando inizia la sua azione. Russell Crowe si lascia trasportare dal tono comico, con un’interpretazione volutamente ingenua e sopra le righe, con un finto accento greco fin troppo marcato. In contrasto con l’antagonista molto più oscuro, Gorr, la scena di Omnipotence City non sembrerebbe la configurazione per il prossimo grande cattivo del MCU.

Tuttavia, per quanto la performance di Crowe ritragga il re degli dei dell’Olimpo come un personaggio frivolo e capriccioso, potrebbe anche essere un caso per fuorviare il pubblico. Nonostante la stupidità e la brevità dell’apparizione di Zeus in Thor: Love and Thunder, il film dà qualche motivo per pensare che non solo il personaggio tornerà, ma sarà una vera minaccia per il dio del tuono. Ecco perché Zeus potrebbe essere il cattivo di Thor 5 e quanto potente potrebbe essere un cattivo in esso.

Nella città onnipotente, Zeus si rifiuta di prestare assistenza a Thor e ai suoi alleati per fermare Gorr, con Thor invece costretto a combattere le guardie di Zeus nell’arena. Zeus fa a pezzi Korg (Taika Waititi) nel combattimento, prima che Thor apparentemente uccida Zeus con la sua stessa saetta. Tuttavia, a differenza degli altri personaggi morti di Thor: Love and Thunder, la scena post credits rivela che Zeus è sopravvissuto e ha convocato il suo famoso figlio Ercole (Brett Goldstein) per punire Thor.

Il fatto che Zeus sia sopravvissuto a un fulmine che gli ha colpito il petto, insieme alla missione che affida a Ercole, indica che avrà una presenza sostanziale in Thor 5. Mentre Zeus potrebbe essere più un comandante per suo figlio che un avversario diretto di Thor, potrebbe comunque combattere ancora una volta il Dio del Tuono dopo la breve dimostrazione dei suoi poteri in Thor: Love and Thunder. Nonostante la presentazione comica, potrebbe essere un avversario formidabile in futuro.

Nella sua interpretazione dei fumetti, Zeus è un dio incredibilmente potente che rivaleggia praticamente con qualsiasi alieno o essere soprannaturale nell’Universo Marvel, incluso il divoratore di pianeti Galactus (che Thor: Love and Thunder anticipa). Questo da solo lo rende una minaccia potenzialmente molto più grande anche di Thanos. La sua suddetta distruzione di Korg è un’impresa straordinariamente distruttiva. Sebbene distribuito solo a livello individuale rispetto allo snap su scala dell’universo di Thanos, Thanos è stato in grado di compiere la sua missione distruttiva solo con tutte e sei le Gemme dell’Infinito. Inoltre, Zeus ha dalla sua parte alleati come Ercole e i suoi compagni dei nella Città dell’Onnipotenza contro Thor, pur essendo essenzialmente immortale, un altro attributo che mancava a Thanos.

Niente di tutto ciò significa che Zeus sia necessariamente destinato a essere il prossimo arcicriminale del MCU. La didascalia “Thor tornerà” alla fine di Love and Thunder assicura che il Dio del tuono tornerà (sebbene potrebbe anche riferirsi al Thor di Jane Foster). Tuttavia, non c’è alcuna conferma ufficiale che Russell Crowe riprenderà il ruolo di Zeus in Thor 5. Allo stesso tempo, i titoli di coda di Thor: Love and Thunder anticipano che Ercole inseguirà Thor per volere di suo padre, e se Zeus stesso dovesse tornare, la sua stravaganza nel film potrebbe placarsi in favore di un dispiegamento di forze molto più massiccio.

Thor: Love and Thunder, leggi la recensione

Thor: Love and Thunder è il quarto capitolo sulle avventure del Dio del Tuono nel MCU, ma ad impugnare il Mjolnir stavolta sarà Jane Foster, interpretata di nuovo da Natalie Portman, come confermato sabato durante il panel dei Marvel Studios al Comic-Con. Il film è uscito il 6 Luglio 2022.

Il film segue Thor (Chris Hemsworth) in un viaggio diverso da quelli affrontati fino ad ora, alla ricerca della pace interiore. Ma il suo riposo è interrotto da un killer galattico conosciuto come Gorr il Macellatore di Dei (Christian Bale), che cerca l’estinzione degli dei. Per combattere la minaccia, Thor si affida all’aiuto di Valchiria (Tessa Thompson), Korg (Taika Waititi) e dell’ex fidanzata Jane Foster (Natalie Portman) che, con stupore di Thor, brandisce inspiegabilmente il suo martello magico, Mjolnir, come Mighty Thor. Insieme, intraprendono una sconvolgente avventura cosmica per scoprire il mistero della vendetta di Gorr il macellatore di dei e fermarlo prima che sia troppo tardi.

Taika Waititi tornerà alla regia di Thor: Love and Thunder, un film dei Marvel Studios dopo Thor: Ragnarok, così come Chris Hemsworth e Tessa Thompson riprenderanno i rispettivi ruoli di Thor e Valchiria dopo l’ultima apparizione in Avengers: Endgame. Nel cast anche Christian Bale nei panni del villain Gorr il Macellatore di Dei, e Russell Crowe in quelli di Zeus. L’ispirazione del progetto arriva dal fumetto “The Mighty Thor”, descritto da Waititi come “la perfetta combinazione di emozioni, amore, tuono e storie appassionanti con la prima Thor femmina dell’universo“.

Chiara Guida
Chiara Guida
Laureata in Storia e Critica del Cinema alla Sapienza di Roma, è una gionalista e si occupa di critica cinematografica. Co-fondatrice di Cinefilos.it, lavora come direttore della testata da quando è stata fondata, nel 2010. Dal 2017, data di pubblicazione del suo primo libro, è autrice di saggi critici sul cinema, attività che coniuga al lavoro al giornale.

Articoli correlati

- Pubblicità -
 

ALTRE STORIE

Resurrected spiegazione finale

Resurrected: la spiegazione del finale del film horror

Una tipologia di opere tanto recente quanto apprezzata è quella del screenlife film (o first person shot), in cui lo schermo cinematografico diventa lo...
- Pubblicità -