Gael García Bernal: 10 cose che non sai sull’attore

-

L’attore messicano Gael García Bernal è oggi uno dei più popolari attori attivi nell’ambito cinematografico, noto tanto per celebri film sudamericani quanto per produzioni internazionali, che gli hanno permesso di divenire un volto riconosciuto e amato. Nota è la sua poliedricità, che gli ha permesso di sfoggiare numerosi talenti nel corso del tempo e ancora oggi Bernal continua a sorprendere con le sue scelte coraggiose e impegnate politicamente.

Ecco 10 cose che non sai su Gael García Bernal.

Gael García Bernal: i suoi film e le serie TV

1. Ha recitato in celebri film. Nel corso della sua carriera Bernal ha recitato in molti celebri film, sia sudamericani che di stampo internazionale. Il suo esordio sul grande schermo è avvenuto nel 2000 con Amores perros e da quel momento ha recitato in film come Y tu mama también (2001), I diari della motocicletta (2004), La mala educacion (2004), Babel (2006), Rudo y Cursi (2007), Blindness – Cecità (2008), Letters to Juliet (2010), No – I giorni dell’arcobaleno (2012), Neruda (2016), Museo – Folle rapina a Città del Messico (2018), Lontano da qui (2018), Ema (2019), Wasp Network (2019), Il paradiso probabilmente (2019), Old (2021), The Mother (2023) e Cassandro (2023).

2. Ha preso parte anche a serie TV. Non solo cinema nella carriera di Bernal, che ha anche avuto modo di recitare per la televisione in diverse occasioni. All’inizio della sua carriera ha infatti recitato in telenovelas come Teresa (1989) e Un amore di nonno (1992). È poi stato protagonista della popolare serie Mozart in the Jungle (2014-2018), per poi recitare nella serie Station Eleven (2021) e nel film televisivo Licantropus (2022).

3. È anche regista, sceneggiatore e produttore. Oltre ad essere un noto attore, Bernal si è in diverse occasioni distinto anche come regista, sceneggiatore e produttore. Ha infatti diretto i film Déficit (2007) e Chicuarotes (2019), ma anche episodi di film corali come 8 (2008), Revolucion (2010) e Madly (2016). Del primo e dell’ultimo di questi tre ha anche scritto la sceneggiatura del proprio segmento, oltread averla scritta per la serie TV Aquì en la Tierra (2018). Ha poi invece prodotto i film Abel (2010), Chi è Dayani Cristal? (2013), Manto acuifero (2013) e Gueros (2014).

Gael García Bernal Cassandro
GAEL GARCÍA BERNAL in CASSANDRO Foto: Courtesy of Prime Video © AMAZON CONTENT SERVICES LLC

Gael García Bernal in La mala educacion

4. Si è preparato a lungo per il suo ruolo. Per il film La mala educacion Bernal doveva essere in grado di riprodurre un accento spagnolo convincente prima che Pedro Almodóvar gli permettesse di ottenere il suo ruolo nel film. Bernal ha poi dovuto anche padroneggiare il linguaggio del corpo spagnolo, prendendo lezioni di flamenco per aiutarlo a riuscirci. Ha studiato anche i film di Barbara Stanwyck e dell’icona spagnola Sara Montiel, così come le precedenti protagoniste di Almodovar, Carmen Maura e Victoria Abril.

Gael García Bernal in No – I giorni dell’arcobaleno

5. Ha vissuto in Cile per prepararsi al film. In No – I giorni dell’arcobaleno Bernal interpreta René Saavedra, giovane pubblicitario che con risorse piuttosto scarse escogita un piano per liberare il Cile dalla dittatura di Pinochet. Per ottenere un accento cileno credibile per il film, Bernal ha vissuto in Cile per un po’, anche usando la metropolitana di Santiago e frequentando quanto più possibile altri ambienti simili in cui poter ritrovare una parlata cilena normale e quotidiana.

Gael García Bernal canta Un poco loco in Coco

6. Ha cantato uno dei brano più celebri del film. Nel film d’animazione della Pixar Coco, Bernal dà voce al personaggio Héctor Rivera, intorno a cui si costruisce il racconto del lungometraggio. Per il film, Bernal si è cimentato anche nel canto – altra attività per cui è si è distinto nel tempo – eseguendo in particolare il brano Un poco loco, divenuto tra i più celebri del film insieme a Remember Me, premiata con l’Oscar alla miglior canzone originale.

Gael García Bernal Diego Luna Y tu mama también

 

Gael García Bernal e Diego Luna

7. Si conoscono sin da quando erano appena nati. Bernal e Diego Luna sono amici di lunghiissima data, in quanto erano soliti vedersi sin dai primi mesi di vita perché le loro madri erano legate da una stretta amicizia. Insieme hanno condiviso le passioni (per il cinema, il calcio e la politica) e i loro progetti cinematografici. Hanno recitato insieme in diverse occasioni, come in Y tu mamá también – Anche tua madre, Rudo y Cursi e Casa de mi padre. Hanno però collaborato anche in molte altre occasioni, non solo recitando l’uno accanto all’altro.

8. Ha una casa di produzione con l’amico attore. I due hanno infatti poi fondato insieme la Canana Films, casa di produzione e distribuzione specializzata in opere dal contenuto sociopolitico, con la quale hanno anche prodotto alcune opere da loro dirette. Bernal e Luna hanno poi anche istituito il Festival Ambulante Gira de documentales, il più importante festival di cinema documentario dell’America Latina.

Gael García Bernal e Natalie Portman

9. Ha avuto una relazione con la nota attrice. Bernal è noto anche per aver avuto diverse celebri fidanzate, dall’attrice messicana Cecilia Suárez all’attrice argentina Dolores Fonzi (con la quale ha avuto due figli) e fino ad Andrea de la Torre Suárez, designer messicana, a cui è attualmente legato. La più nota delle sue compagne è però stata senza dubbio l’attrice premio Oscar Natalie Portman, alla quale Bernal è stato legato dal 2003 al 2004 e poi di nuovo nel 2007. La loro relazione è poi terminata, ma i loro fan li considerano ancora oggi una splendida coppia del mondo dello spettacolo.

Gael García Bernal: età e altezza dell’attore

10. Gale García Bernal è nato il 30 novembre 1978 a Guadalajara, Messico. L’attore è alto complessivamente 1,70 metri.

Fonte: IMDb

Gianmaria Cataldo
Gianmaria Cataldo
Laureato in Storia e Critica del Cinema alla Sapienza di Roma, è un giornalista pubblicista iscritto all'albo dal 2018. Da quello stesso anno è critico cinematografico per Cinefilos.it, frequentando i principali festival cinematografici nazionali e internazionali. Parallelamente al lavoro per il giornale, scrive saggi critici e approfondimenti sul cinema.

Articoli correlati

- Pubblicità -
 

IN EVIDENZA

ALTRE STORIE

Cesare Bocci Tornando a Est

Tornando a Est: intervista all’attore Cesare Bocci

Si sono da poco concluse le riprese di Tornando a Est, il sequel del fortunato Est – Dittatura Last Minute, il road-movie tratto da...
- Pubblicità -