gael-garcia-bernal-film

Tra i più celebri attori messicani, Gael García Bernal ha negli anni conquistato le attenzioni di un pubblico mondiale recitando in celebri opere legate al suo paese e alla sua terra, senza svendersi a grandi produzioni hollywoodiane.

La filmografia di Bernal prevede infatti ricercati film d’autore e piccoli progetti indipendenti, grazie a cui l’attore ha potuto esibire le sue grandi doti da interprete, non mancando di assumere in più di un caso ruoli politici e di denuncia sociale. Ecco 10 cose che non sai di Gael García Bernal.

1Parte delle cose che non sai di Gael García Bernal

gael-garcia-bernal-instagram
 

Gael García Bernal: i suoi film

1. Ha recitato in celebri film legati alle sue origini. Bernal esordisce al cinema nel film Amores perros (2000), di Alejandro Gonzáles Iñarritu, per poi ottenere ulteriore fama con Y tu mamá también (2001), di Alfonso Cuarón. Negli anni successivi recita in film come Nessuna notizia da Dio (2001), I diari della motocicletta (2004), La mala educación (2004), The King (2005), L’arte del sogno (2006), Babel (2006), Il passato (2007), Cecità (2008), Letters to Juliet (2010), Il mio angolo di paradiso (2011), e No – I giorni dell’arcobaleno (2012), con cui ottiene ulteriore fama. Partecipa poi ai film Rosewater (2014), Desierto (2015), Salt and Fire (2016), Neruda (2016), Museo – Folle rapina a Città del Messico (2018), Lontano da qui (2018), Ema (2019), Wasp Network (2019) e Il paradiso probabilmente (2019).

2. È stato protagonista di una nota serie TV. Dal 2014 al 2018 Bernal è protagonista della serie Amazon Mozart in the Jungle, dove ricopre il ruolo di Rodrigo De Souza, prodigo della musica che conduce lo spettatore nel movimentato mondo della musica classica, la quale si svela più accattivante di quanto possa sembrare grazie alle vicende che si susseguono nella vita del protagonista. Per il suo ruolo Bernal ha vinto un Golden Globe come miglior attore in una serie commedia o musicale.

3. Ha ricoperto il ruolo di produttore. Personalità poliedrica, Bernal si è distinto anche per aver prodotto opere di esordienti e suoi colleghi. Ha infatti ricoperto tale ruolo per i film Abel (2010), dell’amico Diego Luna, Revolución (2010), Manto acuifero (2013), Cesar Chavez (2014), Desierto (2015), Zama (2017) e Museo – Folle rapina a Città del Messico. Ha inoltre prodotto alcuni episodi della serie Mozart in the Jungle e il suo film Déficit (2007).

4. Ha diretto dei film. Bernal esordisce alla regia con il film Déficit (2007), presentato in anteprima al Festival di Cannes e incentrato sulla vita di Cristobal, giovane e ricco ragazzo borghese il cui padre è un corrotto politico. Dopo aver diretto diversi cortometraggi, Bernal torna a dirigere un lungometraggio nel 2019, intitolato Chicuarotes, incentrato su un gruppo di amici e i loro tentativi di arricchirsi a Città del Messico.

Gael García Bernal ha doppiato Coco

5. Ha partecipato al doppiaggio del celebre film Pixar. Nel film Coco, premio Oscar nel 2018 per il miglior film d’animazione, l’attore presta la voce al personaggio di Héctor Rivera, uno scheletro facente parte della Terra dell’Aldilà, il quale aiuterà il giovane protagonista nella sua missione. Per il film l’attore ha anche esibito le sue qualità canore, prestando la sua voce anche per alcune canzoni presenti all’interno del film.

Indietro