È ora di abbandonare l’ossessione per Henry Cavill come Superman

-

Dopo anni di voci, retroscena e speculazioni da parte della comunità dei fan, il DC Extended Universe, iniziato con L’uomo d’acciaio (Man of Steel) nel 2013, è giunto alla sua conclusione. Dopo che nel 2023 sono usciti Shazam! Furia degli Dei, The Flash, Blue Beetle e Aquaman e il Regno Perduto non hanno avuto successo al botteghino, l’attenzione si è ora rivolta al nuovo DCU che sarà gestito da James Gunn e Peter Safran. Mentre personaggi come il Peacemaker di John Cena e l’Amanda Waller di Viola Davis sono destinati a rimanere, la maggior parte del cast del DCEU precedente si è effettivamente ritirata dai propri ruoli. Nonostante questa nuova e audace direzione, molti fan si aggrappano alla possibilità che Henry Cavill torni a interpretare Superman.

La confusione sul ruolo di Henry Cavill nel franchise non è del tutto inaspettata; dopo che una scena post-credit di Black Adam sembrava confermare che avrebbe ripreso il suo ruolo di Superman in un progetto imminente, la DC Films ha subito una revisione creativa che ha portato al ruolo di David Corenswet come giovane Clark Kent nel film di  James Gunn su Superman, previsto per il 2025. Questa potrebbe essere stata una delusione per Cavill, che ha recentemente lasciato il suo ruolo in The Witcher. Tuttavia, le teorie cospiratorie sull’uscita di scena di Cavill non gli giovano, poiché si tratta di un attore destinato a una carriera molto più eccitante al di fuori dell’Universo DC.

Va bene che Henry Cavilll non interpreti Superman

Henry Cavill come Superman
Zack Snyder’s Justice League
Foto di HBO Max

Sebbene le reazioni a L’uomo d’acciaio siano state incredibilmente discordanti tra i fan dei fumetti DC, l’interpretazione di Cavill è stata ampiamente elogiata; aveva certamente il fisico, il carisma e la bontà intrinseca che erano essenziali per interpretare il personaggio classico. Sfortunatamente, il tono negativo dei film del DCEU ha dato a Cavill poco spazio per sviluppare la caratterizzazione di Superman. Invece di interpretare una versione eroica e ispiratrice del personaggio, Cavill si è ritrovato a interpretare un Superman cupo e cupo, rifiutato dall’umanità. Sebbene l’uscita approfondita della Zack Snyder’s Justice League abbia contribuito a reintrodurlo nel franchise in modo più rispettoso, non ha comunque risolto la direzione sbagliata in cui è stato portato il supereroe più ottimista del mondo.

Sebbene il sostegno a Henry Cavill  fosse forte, un sequel di Man of Steel non è mai diventato una priorità per la Warner Brothers. L’uomo d’acciaio aveva ottenuto risultati ammirevoli al botteghino, ma lo studio sembrava intenzionato a perseguire eventi crossover che avrebbero introdotto nell’universo Batman (Ben Affleck), Wonder Woman (Gal Gadot), Aquaman (Jason Momoa), The Flash (Ezra Miller) e Cyborg (Ray Fisher). Tranne che per alcuni camei di scarso rilievo, il Superman di Henry Cavill sembrava essere stato completamente dimenticato mentre il DCEU sperimentava personaggi diversi. Sebbene un sequel de L’uomo d’acciaio avrebbe potuto dare a Henry Cavill un’occasione migliore per dare corpo al personaggio, purtroppo è rimasto bloccato nell’inferno dello sviluppo.

Nonostante sia stato relativamente ignorato dal team creativo del DCEU, Henry Cavill ha fatto alcuni dei migliori lavori della sua carriera tra i film tratti dai fumetti. La sua interpretazione della super spia Napoleon Solo nel reboot di Guy Ritchie della serie The Man From U.N.C.L.E. ha rivelato quanto potesse essere carismatico e avrebbe dovuto dare vita a un franchise a sé stante. Henry Cavill ha dimostrato di essere coraggioso nell’accettare ruoli in cui non era previsto; ha dimostrato di essere uno degli unici cattivi in grado di sconfiggere Ethan Hunt (Tom Cruise) con il suo ruolo in Mission: Impossible – Fallout e ha offerto una performance sorprendentemente vulnerabile nel dramma bellico di Netflix, criminalmente sottovalutato, Sand Castle.

Henry Cavill ha un’entusiasmante lista di progetti in arrivo

Henry Cavill in The Ministry of Ungentlemanly Warfare
Foto di Daniel Smith/Daniel Smith

La cosa più deludente della fissazione per il franchise di Superman è che alcuni dei migliori lavori di Henry Cavill sono stati ignorati. Quest’anno, Henry Cavill ha collaborato nuovamente con Ritchie per un’apparizione nel thriller d’azione vecchio stile sulla Seconda Guerra Mondiale, The Ministry of Ungentlemanly Warfare. Un ruolo che ha permesso a Henry Cavill di fare tutto ciò che una grande star dell’azione dovrebbe fare: uccidere nazisti, salvare il mondo, guidare una squadra di eroi e persino pronunciare alcune battute esilaranti. Nonostante le ottime recensioni, The Ministry of Ungentlemanly Warfare non ha avuto successo al botteghino e sta già facendo il suo debutto sul servizio VOD (NON IN ITALIA).

La delusione finanziaria di The Ministry of Ungentlemanly Warfare è un peccato, ma Henry Cavill ha un’eccitante serie di prossimi progetti a cui sta lavorando. Sembra che abbia trovato una nicchia di lavoro con Ritchie, visto che è pronto ad apparire nel prossimo film d’azione del regista, In The Grey, accanto a Jake Gyllenhaal e Rosamund Pike. Data la forza delle loro precedenti collaborazioni, è sicuro che Cavill avrà qualcosa di interessante da fare nel nuovo film. Anche se Argylle non ha avuto successo al botteghino, l’annuncio di un possibile crossover con il franchise di Kingsman suggerisce che Henry Cavill potrebbe tornare alla serie per un progetto futuro.

David Corenswet merita un’opportunità in Superman

superman 2025

Quando Henry Cavill è stato scritturato per il ruolo di Superman, molti fan hanno faticato ad accettare che qualcun altro, a parte Christopher Reeve, potesse calarsi nell’iconico ruolo; fortunatamente, il pubblico è stato in grado di dare una giusta opportunità a Henry Cavill, permettendogli di lasciare un’impronta unica sul personaggio. David Corenswet merita di essere accettato e celebrato per il suo lavoro nella prossima iterazione del franchise. Può essere difficile giudicare la sua performance sulla base di una sola immagine fissa, ma sembra che l’interpretazione di David Corenswet del ruolo sarà radicalmente diversa rispetto alle precedenti iterazioni del personaggio.

Henry Cavill è un grande attore la cui carriera non dovrebbe essere definita dai film in cui non ha recitato. Ha certamente lasciato il segno nel franchise DC e si è guadagnato un seguito significativo, ma ha anche dimostrato l’ambizione di apparire in progetti di tipo diverso. Invece di pensare a come sarebbe potuta finire la sua storia di Superman, è meglio sostenere Henry Cavill nelle sue prossime imprese.

Redazione
Redazione
La redazione di Cinefilos.it è formata da un gruppo variegato di appassionati di cinema. Tra studenti, critici, giornalisti e aspiranti scrittori, il nostro gruppo cresce ogni giorno, per offrire ai lettori novità, curiosità e informazione sul mondo della settima arte.

Articoli correlati

- Pubblicità -

ALTRE STORIE

The Bikeriders backstage

The Bikeriders: Jeff Nichols e Austin Bulter raccontano il film

Uomini duri e incapaci di guardarsi dentro, raccontati dal punto di vista di una delle loro donne, mentre sullo sfondo si srotola il più...
- Pubblicità -