Matthias Schoenaerts: 10 cose che non sai sull’attore

-

L’attore belga Matthias Schoenaerts si è nel corso dell’ultimo decennio distinto come uno dei più validi e talentuosi attori europei, capace di portare il proprio successo anche sul suolo statunitense. Tra grandi produzioni e progetti più autoriali, egli ha sempre dato prova di saper costruire i propri personaggi con grande cura, regalando interpretazioni di grande intensità.

Ecco 10 cose che non sai di Matthias Schoenaerts.

Matthias Schoenaerts: i suoi film e le serie TV

1. Ha preso parte a celebri film. Un primo ruolo importante Schoenaerts lo ottiene per il film Black Book (2006). Ottiene poi fama internazionale grazie a Bullhead – La vincente ascesa di Jacky (2011), opera candidata all’Oscar al miglior film straniero. Recita da quel momento in film che lo rendono sempre più celebre come Un sapore di ruggine e ossa (2012), con Marion Cotillard, Chi è senza colpa (2014), Le regole del caos (2014), con Kate Winslet, Suite francese (2014), con Michelle Williams, Via dalla pazza folla (2015), The Danish Girl (2015), A Bigger Splash (2015), Red Sparrow (2018), con Jennifer Lawrence, Fratelli nemici – Close Enemies (2018), Kursk (2018), The Mustang (2019), La vita nascosta (2019), Panama Papers (2019) e The Old Guard (2020). Nel 2022 è invece in Amsterdam.

2. Ha recitato anche per la televisione. Molto meno frequentemente che per il cinema, l’attore ha recitato in alcune occasioni anche per la televisione. Ciò è avvenuto all’inizio della sua carriera, quando ha preso parte ad alcuni episodi di Flikken (2001) e Stille Waters (2002), serie di produzione belga. Torna poi sul piccolo schermo nel 2008 per De smaak van De Keyser, mentre nel 2009 recita nella serie Los zand. Nel 2021 prende parte ad un episodio della serie Lockdown, ma è solo nel 2023 che dà vita ad una significativa partecipazione televisiva recitando da protagonista nella serie Django.

3. Ha vinto importanti premi. Nel corso della sua carriera Schoenaerts ha vinto numerosi premi di prestigio, prevalentemente sul suolo europeo. Ha ad esempio ricevuto premi come miglior attore ai Lumières Award e ai Magritte Award per il film Un sapore di ruggine e ossa, e per lo stesso film ha anche vinto il César Award come Miglior promessa maschile. Ha poi ottenuto riconoscimenti vari anche per il suo ruolo nel film Bullhead e come rivelazione dell’anno al Capri-Hollywood International Film Festival per il film The Danish Girl.

Matthias-Schoenaerts-Instagram

Matthias Schoenaerts in Django

4. È il protagonista della serie. La serie Django, co-produzione italo-francese e in arrivo dal 17 febbraio su Sky Atlantic, si configura come una rivisitazione dell’omonimo film italiano di Sergio Corbucci. Ambientata nel Texas di fine 1800, questa vede Schoenaerts recitare nei panni del protagonista, il pistolero Django, il quale è in cerca della figlia Sarah, unica superstite all’assassinio di tutta la sua famiglia. Nella serie, l’attore si trova a recitare accanto all’attrice Lisa Vicari, interprete di Sarah, e Noomi Rapace, presente nei panni della religiosa Elizabeth Thurmann.

5. Ha cercato di rendere umano il suo personaggio. Parlando del suo Django, l’attore ha affermato di non aver cercato di reinventare attraverso di esso il concetto di mascolinità nel genere western, quanto di far emergere debolezze e fragilità che spesso non venivano mostrate in questo tipo di personaggi. Il Djano di Schoenaerts, dunque, si configura come un essere umano mostrato a 360 gradi, attraverso tutte le sue sfumature possibili.

Matthias Schoenaerts in Amsterdam

6. Ha avuto un ruolo nel film. Con Amsterdam, film che unisce commedia, dramma e thriller, l’attore è tornato a recitare in una produzione statunitense. Ha qui interpretato il detective Lem Getwiller, partner del detective Hiltz e incaricato insieme a quest’ultimo di risolvere l’omicidio alla base del racconto. Il film ha dunque permesso a Schoenaerts di distinguersi in mezzo ad un cast composto da noti attori come Christian Bale, Margot Robbie, John David Washington e Anya Taylor-Joy.

Matthias Schoenaerts in The Danish Girl

7. Come il suo personaggio nel film, è un appassionato d’arte. Nel film in costume The Danish Girl, dedicato alla seconda persona ad essersi identificata come transgender e a essersi sottoposta a un intervento di riassegnazione sessuale, Schoenaerts interpreta l’impresario d’arte Hans Axgil. Come il suo personaggio, l’attore ha raccontato di essere a sua volta un appassionato d’arte, dedicandosi nel tempo libero alla pittura e all’arte dei graffiti.

Matthias-Schoenaerts-The-Danish-Girl

Matthias Schoenaerts è su Instagram

8. Ha un profilo sul social network. L’attore è naturalmente presente sul social network Instagram, con un profilo seguito attualmente da 163 mila persone. Su tale piattaforma egli ha ad oggi pubblicato quasi 2000 post, in parte relativi alle sue attività come attore o modello, potendo dunque ritrovare diverse immagini relative a momenti trascorsi sul set ma anche foto promozionali dei suoi progetti. Non mancano però anche altre tipologie di immagini, relative a luoghi ed esperienze fatte dall’attore. Seguendolo si può dunque rimanere aggiornati sulle sue attività.

Matthias Schoenaerts: chi è la sua fidanzata

9. È molto riservato. Schoenaerts è da sempre molto restio a condividere informazioni relative alla sua vita sentimentale, ma è noto che fino a qualche tempo fa era legato ad una donna di nome Alexandra Schouteden, di professione avvocato. Negli ultimi due anni, tuttavia, sembra abbia una relazione con Pia Miller, modella, attrice e conduttrice televisiva australiana di origini cilene. Nonostante alcuni scambi di messaggi sui social, nessuno dei due ha confermato la loro eventuale relazione, né si hanno molte notizie recenti sullo stato della loro storia d’amore.

Matthias Schoenaerts: età, altezza e fisico dell’attore

10. Matthias Schoenaerts è nato l’8 dicembre 1977 a Antwerp, Belgio. L’attore è alto complessivamente 1,88 metri. Data la sua altezza, Schoenaerts non passa di certo inosservato ed è noto anche per un fisico particolarmente imponente, che non ha mancato di mostrare in alcuni suoi film per i quali era richiesta una grande fisicità.

Fonte: IMDb, Instagram

Gianmaria Cataldo
Gianmaria Cataldo
Laureato in Storia e Critica del Cinema alla Sapienza di Roma, è un giornalista pubblicista iscritto all'albo dal 2018. Da quello stesso anno è critico cinematografico per Cinefilos.it, frequentando i principali festival cinematografici nazionali e internazionali. Parallelamente al lavoro per il giornale, scrive saggi critici e approfondimenti sul cinema.

Articoli correlati

- Pubblicità -

ALTRE STORIE

Dall'alto di una fredda torre Vanessa Scalera

Dall’alto di una fredda torre, la scelta di Vanessa Scalera ed...

Al cinema dal 13 giugno, distribuito da Lucky Red, la storia di Dall'alto di una fredda torre (qui la recensione) nasce sul palcoscenico del teatro,...
- Pubblicità -