Ospite di una convention a Londra, Sebastian Stan ha avuto modo di parlare del percorso di Bucky Barnes nel MCU tra racconti di produzione e aneddoti riguardanti le riprese dei vari cinecomic che lo vedono protagonista, compreso il recente Avengers: Endgame dove il Soldato d’Inverno si congeda in attesa di tornare in azione nella serie tv di Disney + insieme a Sam Wilson, aka Falcon.

 

Come sicuramente saprete il capitolo finale della saga sulle gemme dell’infinito ha ridefinito alcune timeline dell’universo condiviso in cui il destino dei personaggi è stato modificato rispetto a quello originale; questo grazie ai viaggi nel tempo e all’utilizzo del Regno Quantico, sfruttati da Steve Rogers per ricongiungersi con Peggy Carter e rispedire ai vecchi “proprietari” tutte le pietre.

Ma cosa avrebbe fatto Bucky con uno strumento del genere? Quali cambiamenti avrebbe apportato al suo viaggio personale da Il Primo Vendicatore a Endgame? Questa la risposta di Stan:

Cosa farebbe con la gemma del tempo? Beh, credo che se ne avesse avuto la possibilità sarebbe tornato a confrontarsi con il se stesso negli anni ’70, incontrando quindi il suo doppio Soldato d’Inverno, l’uno contro l’altro. E poi avrebbe sicuramente dovuto affrontare ciò che ha fatto, ovvero tutti gli 864 omicidi compiuti sotto il lavaggio del cervello dell’HYDRA“.

Che idea grandiosa sarebbe per uno spin-off? Raccontare gli anni del villain prima degli eventi di Captain America: The Winter Soldier, un’epoca mai esplorata dai Marvel Studios (se non in brevi flashback), ribaltando il punto di vista del classico eroe e immergendo lo spettatore nell’esperienza di un soggetto complicato e tormentato.

L’HYDRA, il KGB, l’addestramento spietato, insomma tutti quegli elementi che hanno contribuito a plasmare il Soldato d’Inverno. La speranza è che, parallelamente alle vicende dei protagonisti, questa storyline venga sfruttata o nello standalone su Vedova Nera (la cui ambientazione resta ancora un mistero), oppure nella serie televisiva con Falcon (ma l’ipotesi è alquanto improbabile), regalando al pubblico tutte le sfumature di un personaggio davvero affascinante e finora troppo marginale.

Leggi anche – Avengers: Endgame, perché Steve non ha dato lo scudo a Bucky?

CORRELATI:

Avengers: Endgame è nelle nostre sale dal 24 aprile.

Nel cast figurano Robert Downey Jr.Chris HemsworthMark RuffaloChris EvansScarlett JohanssonBenedict Cumberbatch, Don Cheadle, Tom HollandChadwick Boseman, Elizabeth Olsen, Anthony Mackie, Sebastian Stan, Letitia Wright, Dave Bautista, Zoe Saldana, Josh Brolin, Chris Pratt, Jeremy Renner, Evangeline Lilly, Jon Favreau, Paul Rudd, Brie Larson.

Dopo gli eventi devastanti di Avengers: Infinity War (2018), l’universo è in rovina a causa degli sforzi del Titano Pazzo, Thanos. Con l’aiuto degli alleati rimasti in vita dopo lo schiocco, i Vendicatori dovranno riunirsi ancora una volta per annullare le azioni del villain e ripristinare l’ordine nell’universo una volta per tutte, indipendentemente dalle conseguenze che potrebbero esserci.

Avengers: Endgame, la genesi della scena con il doppio Captain America

Fonte: Youtube