avengers 4 Avengers: Endgame

Metà della popolazione dell’universo era stata spazzata via dallo schiocco delle dita di Thanos alla fine di Infinity War e, come previsto, tutti gli eroi polverizzati sono tornati in scena nel terzo atto di Avengers: Endgame grazie al lavoro dei Vendicatori e alla costruzione di un nuovo guanto con le gemme ottenute viaggiando nel tempo per partecipare all’epica battaglia contro l’esercito del Titano.

Della Decimazione e dello spazio dedicato ai “morti” del precedente film i registi Anthony e Joe Russo hanno parlato con Slate in una lunga intervista tra aneddoti e rivelazioni, spiegando che concentrarsi sui vivi e i percorsi degli Avengers originali era “emotivamente più affascinante” per mantenere l’attenzione del pubblico sugli eroi con cui aveva più familiarità.

Quando vediamo quelle cose nel film, ci siamo sentiti come disconnessi da loro, perché non conosciamo quelle persone“, ha raccontato Joe Russo motivando l’assenza di una grande scena di reunion dopo il gesto di Hulk e la resurrezione delle vittime. “Cerchiamo sempre di trovare un modo per narrare la storia attraverso i personaggi che abbiamo e che ci interessano.”

Sempre a proposito della Decimazione e della portata dell’evento in vista dello sviluppo della prossima fase del MCU, i registi hanno spiegato che “Si tratta di una soluzione narrativa davvero folle, che renderà le cose ancora più interessanti nel futuro dell’universo Marvel. In primo luogo, perché è qualcosa di abbastanza lontano dal punto in cui si trovavano i protagonisti, una sorta di accettazione della realtà, e da qui si può ripartire: dall’accettazione di una realtà nuova” .

Ma cosa riserverà il post Endgame? Captain America si è ritirato, Thor cerca di ricostruire se stesso con i Guardiani della Galassia, Vedova Nera è morta, Occhio di Falco è pronto per nuove avventure in solitario, Bruce Banner e Hulk convivono felicemente nello stesso corpo, infine Tony Stark ha lasciato una moglie, una figlia e un’eredità troppo grande da essere facilmente raccolta (forse Peter Parker saprà come gestirla?).

E a proposito del sacrificio di Iron Man e dell’unico scenario previsto da Doctor Strange per la vittoria dei Vendicatori, gli sceneggiatori Christopher Markus e Stephen McFeely hanno finalmente smentito ogni teoria sulla possibilità di finali alternativi:

L’unico modo in cui il piano avrebbe funzionato comprendeva la morte di Tony. Se tornate indietro e guardate Infinity War, quando Strange dice “Uno” Benedict Cumberbatch sta soffocando un’emozione. Ora che conoscete la fine, quel momento assume un significato completamente diverso…è come se gli avesse detto che doveva morire“.

Avengers: Endgame, i Russo rivelano il titolo originale del film

CORRELATI:

Avengers: Endgame è nelle nostre sale dal 24 aprile.

Nel cast del film Robert Downey Jr.Chris HemsworthMark RuffaloChris EvansScarlett JohanssonBenedict Cumberbatch, Don Cheadle, Tom HollandChadwick Boseman, Paul Bettany, Elizabeth Olsen, Anthony Mackie, Sebastian Stan, Letitia Wright, Dave Bautista, Zoe Saldana, Josh Brolin, Chris Pratt, Jeremy Renner, Evangeline Lilly, Jon Favreau, Paul Rudd, Brie Larson.

Dopo gli eventi devastanti di Avengers: Infinity War (2018), l’universo è in rovina a causa degli sforzi del Titano Pazzo, Thanos. Con l’aiuto degli alleati rimasti in vita dopo lo schiocco, i Vendicatori dovranno riunirsi ancora una volta per annullare le azioni del villain e ripristinare l’ordine nell’universo una volta per tutte, indipendentemente dalle conseguenze che potrebbero esserci.

Avengers: Endgame, i momenti più emozionanti del film

Fonte: Slate, THR